sabato, 26 Novembre, 2022
Esteri

Le carte che Pechino può giocare per la pace

Mentre la Cina si prepara al ventesimo Congresso del Partito Comunista Cinese (PCC) nell’autunno del 2022, quando il presidente Xi Jinping cercherà un terzo mandato quinquennale come segretario generale del Partito e presidente, lui e il PCC devono preoccuparsi dell’invasione russa dell’Ucraina, una nazione sovrana e indipendente che influenzerà negativamente le relazioni della Cina con l’Ucraina, l’Unione europea e gli Stati Uniti – tutti importanti partner commerciali. E nonostante gli sforzi della Russia e della Cina per bloccare le informazioni e le immagini che documentano il bombardamento disumano di ospedali, scuole e residenze civili ucraine, la gente in Russia e in Cina alla fine avrà accesso a queste informazioni e si chiederà perché Putin ha sconsideratamente invaso un vicino slavo e perché la Cina non ha condannato la Russia.

Il presidente russo Vladimir Putin deve rendersi conto che sta perdendo questa guerra perché il popolo ucraino non si arrende e sta lottando per la sua libertà. Gli Stati Uniti hanno radunato la NATO, l’Unione europea e il mondo, per resistere alla brutale e selvaggia invasione russa dell’Ucraina. Con sanzioni senza precedenti imposte a una Russia revanscista, impantanata in un’invasione che sta uccidendo migliaia di ucraini innocenti e migliaia di soldati russi, le popolazioni civili sia in Russia che in Cina si chiederanno come i loro leader giustifichino tali orribili attacchi contro un vicino slavo.

Sulla base del comportamento passato di Putin – a Grozny quando la capitale cecena è stata distrutta nel 1999, uccidendo decine di migliaia di civili, e nel 2016, quando la coalizione russo-siriana ha commesso crimini di guerra durante il bombardamento aereo di Aleppo – è probabile che il presidente russo raddoppierà e intensificherà l’attacco militare in Ucraina, uccidendo indiscriminatamente civili e distruggendo città. Sembra anche improbabile che uno qualsiasi dei consiglieri di Putin – il Ministro della Difesa, Direttore del FSB, Direttore del SVR, il Consigliere per la Sicurezza Nazionale, il Ministro degli Affari Esteri, o i molti oligarchi i cui beni sono stati sequestrati dagli Stati Uniti. e l’Europa occidentale – sarà in grado di convincere Putin che fermare l’invasione e la ricerca di un’uscita salva-faccia è nel migliore interesse della Russia.

Putin ha messo in allerta le sue forze nucleari in risposta alle sanzioni dell’Occidente. Ha avvertito che l’interferenza avrebbe suscitato conseguenze “mai viste prima nella vostra storia.” Anche la menzione delle armi nucleari deve preoccupare l’Ucraina e tutte le nazioni.

Data la partnership strategica della Cina con la Russia, e la relazione di Putin con Xi Jinping, questo sarebbe un momento appropriato per la Cina per convincere Putin che è il momento di cercare una fine salva-faccia alla guerra in Ucraina. Il ministro degli Esteri Wang Yi ha detto che la Cina è pronta ad agire come mediatore tra l’Ucraina e la Russia, e questo è ciò che Wang Yi, come ministro degli Esteri, dovrebbe fare.  La fine dell’invasione russa dell’Ucraina, prima che ci sia un’ulteriore significativa escalation e perdite, è ora necessaria. È nell’interesse della Cina intraprendere questa iniziativa umanitaria.

* Ambasciatore, già inviato speciale per i Six Party Talks con la Corea del Nord
e Special Adviser per il direttore della national Intelligence Usa.
E’ membro del  Board of Managers di Sandia National Laboratories

Sponsor

Articoli correlati

Putin isolato terrorizza il mondo

Giuseppe Mazzei

Il G20 di Draghi sull’Afghanistan, assenza imbarazzata di Putin e Xi

Cristina Calzecchi Onesti

Consiglio Europeo. Gas, Draghi insiste Scholz resiste

Cristina Calzecchi Onesti

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.