martedì, 4 Ottobre, 2022
Economia

Superbonus. Confartigianato: Investimenti fermi e licenziamenti, necessario punire le frodi, ma il blocco crediti va tolto

Punire gli autori delle frodi, ma l’articolo 28 del Dl Sostegni ter che limita ad una sola cessione il trasferimento dei crediti fiscali per l’utilizzo dei bonus edilizia, va stralciato. Confartigianato scende in campo e sottolinea come la norma – decisa dal Governo – ha “paralizzato gli investimenti e l’occupazione delle imprese e le prospettive di ripresa del settore delle costruzioni”.

Contrastare le frodi

“Il condivisibile e doveroso intento di contrastare le frodi che ha ispirato l’articolo 28”, sostiene la Confederazione, “va perseguito con efficaci attività di controllo. La stretta sui crediti fiscali, invece, non fa altro che bloccare uno dei settori che sta garantendo investimenti e lavoro e che contribuisce alla transizione green. Gli effetti negativi delle continue modifiche normative ai bonus edilizia, ben 9 negli ultimi 20 mesi, vale a dire una ogni 68 giorni, si stanno già vedendo con la riduzione dei lavori conclusi ammessi a detrazione”. La Confartigianato a stilato una classifica. “A gennaio ammontano a 1.563 milioni di euro, un valore praticamente dimezzato (-46,2%) rispetto ai 2.904 milioni di dicembre 2021 (che aveva segnato un +87,5% rispetto a novembre 2021). Sono a rischio le 127mila assunzioni previste dalle imprese delle costruzioni nel primo trimestre di quest’anno”.

La proposta

In alternativa allo stralcio dell’articolo 28, Confartigianato indica tre proposte: “Consentire una ulteriore cessione dopo la prima verso soggetti collegati, direttamente o indirettamente, all’intervento; prevedere senza limitazioni numeriche le cessioni solo verso soggetti vigilati (banche, altri operatori finanziari, assicurazioni); permetter la cessione dei crediti a favore di persone fisiche non esercenti un’attività economica ma solo per importi sotto una determinata soglia”.

Bollette, stop agli oneri

Sul fronte delle misure del Decreto legge Sostegni ter per contenere il caro-energia, Confartigianato, apprezzando l’impegno del Governo, “sollecita interventi di riforma strutturale della bolletta elettrica per redistribuire il carico degli oneri in bolletta, eliminando gli assurdi squilibri che oggi penalizzano i piccoli imprenditori, costretti a pagare il 49% degli oneri generali di sistema per finanziare una serie di agevolazioni tra cui quelle agli energivori”.

Crediti d’imposta

Altra richiesta di Confartigianato è l’estensione dei crediti di imposta a tutte le imprese considerate energivore a prescindere dal requisito del consumo previsto dal Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico 21 dicembre 2017.
Infine, Confartigianato chiede che le misure di ristoro previste dal Decreto Legge per “la filiera del turismo siano estese alle imprese che effettuano trasporti non di linea in generale, servizi commerciali e turistici, e alle imprese del settori della stampa, della grafica e della fotografia”.

Sponsor

Articoli correlati

12 mila imprese metalmeccaniche ai livelli pre-Covid. L’incognita prezzi

Paolo Fruncillo

Bollette, Confcommercio “con guerra +164% in 1 anno per imprese”

Emanuela Antonacci

La sfida dei contratti: necessario cambiare il modello di sviluppo, devono tornare al centro i temi del lavoro, sicurezza e ambiente

Angelica Bianco

Lascia un commento