sabato, 22 Giugno, 2024
Società

La corruzione colpa di tutti i mali

È dal 2012 che le Nazioni Unite hanno dedicato il 9 dicembre a riflettere attorno ai mali che produce il “virus della corruzione” del quale si hanno immense difficoltà a scoprirne “un vaccino” per debellarlo o, almeno, per ridurne le cause e gli effetti, essendosi affermato, purtroppo, nei fatti, un comportamento endemico, connaturato all’uomo.

L’azione giudiziaria ordinaria, nel nostro ordinamento giuridico, per quanto esemplare possa essere – benché non sempre tempestiva – può sanzionare ma non prevenire la violazione della legalità. A ciò sono competenti a provvedere e concorrere la legislazione, con incisivi adeguamenti, nonché nuovi comportamenti dei soggetti interessati politici, economici ed amministrativi.

Si tratta, infatti, di un fenomeno sociale, politico, economico e giuridico che – benché limitato a poche persone – corrode ed indebolisce, dall’interno di ogni apparato statale, i rapporti con l’intero tessuto sociale di cui le medesime persone ne fanno parte, minandone credibilità, fiducia, oltre che a tradire il giuramento prestato imposto ai cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche (art. 54 Cost.).

Occorre, quindi, che la sinergia degli organi e dei soggetti interessati a prevenire fenomeni di corruttela sia esercitata senza soluzione di continuità e che la data celebrativa del 9 dicembre di ogni anno, sia davvero un momento di esaltazione dei valori di onestà e legalità e non di sconforto per gli allarmanti dati statistici sul dilagare dei fatti oggetto di corruzione e concussione, le due facce della stessa medaglia.

Il cambiamento che mirava alla legalità nella Pubblica Amministrazione, avviato con l’Autorità nazionale anticorruzione, per prosciugare le occasioni della corruzione e della concussione, non è apprezzabile e, conseguentemente, mancano gli effetti sperati, per una molteplicità di motivazioni che si annidano nei vari livelli di responsabilità e di competenza, non escluso il venir meno di supporti giuridici, non condivisi dalla classe politica e di governo nelle contrapposte idee tra garantismo e giustizialismo.

A questo punto non resta che confidare nel principio di onestà che deve regnare nella coscienza civile, morale, etica e giuridica di ciò che ci è trasmesso dai principi sanciti negli articoli 97 e 98 della Costituzione nell’affermare che: “I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo che siano assicurati il buon andamento e l’imparzialità dell’amministrazione. Nell’ordinamento degli uffici sono determinate le sfere di competenza, le attribuzioni e le responsabilità proprie dei funzionari.”

L’ultimo comma, del citato art. 97 dispone che: “Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso, salvo i casi stabiliti dalla legge.

Questo obbligo giuridico del reclutamento tramite concorso è il primo filtro necessario, fondamentale, per selezionare personale di integerrima moralità, in armonia col dettato del successivo art. 98, primo comma, il quale dispone che: “I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione.”

La corruzione, nelle sue multiformi, poliedriche e fantasiose manifestazioni, può essere prevenuta. È dovere dello Stato attrezzarsi per snidarla ovunque si nasconda, dalle sue numerose ramificazioni ministeriali a quelle periferiche, adeguando strumenti operativi e selezionando risorse umane che diano quella indispensabile affidabilità e garanzia di ben operare con trasparenza, puntualità e, soprattutto, nella legalità.

Un campanello d’allarme, che non fa vivere sonni tranquilli, è direttamente collegato alla gestione delle risorse europee per il noto PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza).

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

La riforma fiscale dal sogno alla realtà

Paolo De' Capitani di Vimercate

Tajani: “Correttivi al patto di Stabilità rigorista”. Pichetto Fratin: “Stoccaggio del gas, al 90%”

Stefano Ghionni

Crescita zero dell’economia europea anche nel terzo trimestre del 2023

Marco Santarelli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.