martedì, 18 Gennaio, 2022
Economia

Confcommercio: prestiti bancari, serve una moratoria. Appello dell’Abi alle autorità europee contro le scadenze dei crediti

La moratoria per i prestiti bancari, il credito difficile, il rapporto impegnativo tra imprese e banche. L’universo del commercio è sempre più legato a doppio filo con il sistema creditizio ed oggi tra quest’ultimo e le regole europee sempre più stringenti.

A riportare l’attenzione sul terreno dei rapporti finanziari tra piccole imprese e banche è il presidente della Confcommercio Carlo Sangalli che sottolinea come siano giuste e condivisibili le ragioni e l’appello del presidente dell’Abi l’appello Antonio Patuelli, alle autorità europee e italiane, che sollecita “una riflessione innovativa nei prossimi giorni alla luce dell’aggravamento della situazione della pandemia”, scrive Patuelli, “per prolungare le scadenze prefissate delle misure di finanza straordinaria quali le moratorie e i prestiti garantiti”.

Moratoria prestiti

L’obiettivo è la moratoria per i prestiti bancari, “Anche noi ne segnaliamo da tempo”, scrive Sangalli, “la necessità in considerazione dell’impatto profondo e persistente dell’emergenza Covid-19: un impatto particolarmente gravoso per l’area del terziario di mercato”.

Rimodulare i prestiti

“Riteniamo inoltre”, evidenzia  il presidente di Confcommercio, “che la proroga della moratoria non dovrebbe penalizzare la classe di merito creditizio delle imprese e che,  in una prospettiva di più ampio respiro, andrebbero messe in campo misure per favorire una rimodulazione dei prestiti alla cessazione delle sospensioni previste dalla moratoria”.

Sponsor

Articoli correlati

Consumi, rapida discesa per gli acquisti. Confcommercio: dominano incertezza e troppi debiti. Imprese in gravi difficoltà

Angelica Bianco

Clima. Elogio Onu a Draghi. Coldiretti: estate tropicale, costo 2 miliardi

Maurizio Piccinino

Confcommercio “su riforma ammortizzatori pronti a confronto”

Redazione

Lascia un commento