domenica, 16 Febbraio, 2020
Articoli del Giorno Società

Le città d’arte italiane protagoniste dell’autunno

Protagoniste dell’autunno turistico saranno le città d’arte italiane: quasi un intervistato su due ha intenzione di visitarne una. La ricchezza delle nostre mete artistico-culturali è testimoniata dal fatto che i nostri connazionali pensano sia necessario trascorrere oltre 3 notti per visitarne una.

Oltre tre italiani su dieci fanno la vacanza principale nei mesi di settembre, ottobre e novembre: motivo principale, perché tutto è più tranquillo e si può viaggiare con un budget più limitato. Questi i risultati in sintesi dell’analisi mensile effettuata da Confturismo-Confcommercio, insieme all’Istituto Piepoli, per rilevare l’indice mensile di fiducia del viaggiatore italiano, che a settembre registra un valore di 69 punti.

Musei e gallerie d’arte sono la motivazione principale di viaggio.
Rimangono importanti nella scelta anche l’enogastronomia e la possibilità di visitare borghi e castelli vicini, a riprova del fatto che le grandi mete culturali rilanciano l’intero territorio circostante, se ben collegato e fruibile.

Le prime tre mete citate dagli intervistati per trascorrere una vacanza autunnale sono Firenze, Roma e Venezia. Fra le destinazioni estere invece gli italiani prediligono Spagna, Regno Unito, Austria, Germania e Francia.

Un dato interessante è legato alla durata media di notti che il turista ritiene necessario per visitare una città d’arte: 3,5, a dimostrazione della ricchezza artistico-culturale di queste mete che pertanto richiede un tempo considerevole per la visita.
Oltre sei intervistati su dieci hanno intenzione di visitare musei e gallerie d’arte come motivazione principale di viaggio.

Altre motivazioni importanti sono l’ottima scelta enogastronomica e la possibilità di visitare borghi e castelli nelle vicinanze, a riprova del fatto che le grandi mete culturali rilanciano l’intero territorio circostante, se ben collegato e fruibile. (Italpress)

Related posts

A Milano e Monza nel 2019 sfiorati 11 milioni di visitatori

Redazione

Arte e aste, l’Italia in coda. Tante opere ma solo 300 milioni di vendite

Maurizio Piccinino

Paesi fantasma, seimila luoghi in abbandono senza più persone

Giampiero Catone

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni