lunedì, 18 Ottobre, 2021
Turismo

Turismo, a ferragosto prenotate 89,6% delle camere online

Ferragosto fa accelerare il turismo. Per il weekend lungo della festività estiva è stato riservato oltre l’89% delle camere disponibili sui principali portali delle agenzie online.

Complessivamente, tra il 13 ed il 16 agosto si stimano 11,5 milioni di pernottamenti e 1,4 miliardi di spesa turistica. È quanto emerge dall’indagine del Centro Studi Turistici di Firenze per Assoturismo Confesercenti sulla saturazione dell’offerta ricettiva nazionale disponibile online per i giorni centrali di agosto. Le prenotazioni raggiungono picchi di oltre il 95% per le località balneari, dei laghi e della montagna. Bene anche le località “green” della campagna e collina con l’86,7% delle camere prenotate, e le destinazioni montane, con tassi di occupazione media intorno al 91%.

Un buon recupero di prenotazioni si registra per le strutture delle località termali e del benessere che segnano il 75,6% di saturazione. Invece, solo un trend di leggerissimo incremento è stato rilevato per le strutture delle città d’arte (77,3%): questo tipo di destinazioni continua a soffrire l’onda lunga del Covid. Tra le regioni i tassi di saturazione più elevati sono stati rilevati per il Trentino Alto Adige, la Valle d’Aosta, le Marche, l’Abruzzo, la Puglia, la Sicilia e la Sardegna.

“Dopo un avvio lento, la domanda turistica ha iniziato a consolidarsi a metà luglio e per le settimane centrali di agosto si registrano importanti segnali di ripartenza”, commenta Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti. “Adesso è importante evitare frenate. Chiudere non si può più: dobbiamo piuttosto imparare a convivere con il virus. Il green pass turistico è uno strumento che va in questa direzione, ma va reso meno oneroso e più facile da gestire per le imprese”, conclude.

Sponsor

Articoli correlati

Baby boom 2021-2022

Tommaso Paparo

È attivo il bando da 16,6 milioni di euro destinato alla bonifica di aree inquinate in Sicilia

Redazione

Centri Vaccinali, in Sicilia ancora troppo pochi per gestire l’emergenza nei comuni

Redazione

Lascia un commento