venerdì, 28 Gennaio, 2022
Ambiente

La Liguria permetterà gare fuoristrada in alvei dei torrenti in secca

GENOVA (ITALPRESS) – Via libera in Liguria alle gare motoristiche fuoristrada negli alvei dei torrenti in secca. È quanto prevede un emendamento alle disposizioni di adeguamento dell'ordinamento regionale presentato dal consigliere della Lega Alessio Piana e firmato da tutti i colleghi del gruppo, approvato oggi dalla maggioranza in Consiglio regionale. Contrari tutti i consiglieri di minoranza. Una norma che "dà un nuovo impulso alla ripresa e allo sviluppo economico e turistico del territorio, già penalizzato dalle restrizioni imposte per l'emergenza coronavirus", commenta Piana. In sostanza, nel caso di manifestazioni o gare, purché non ricorrenti più di una o due volte l'anno, ogni Comune potrà consentire, per un massimo di due giorni, il transito fuoristrada dei mezzi anche lungo tracciati non adibiti ad attività sportive, fatti salvi i divieti già esistenti. L'emendamento approvato prevede che vengano escluse dai divieti le parti in secca degli alvei, salvo nei casi di eventuali allerte di Protezione civile e di aree comprese nei circa 120 siti protetti della Rete Natura 2000, disponendo l'obbligo di ripristino dell'ambiente a cura degli organizzatori. La stessa esclusione era già prevista per le spiagge, eccetto quelle tutelate e ricadenti nella Rete Natura 2000. Critiche da parte dell'opposizione. "Sarebbe meglio lasciare gli alvei dei torrenti sempre liberi in considerazione dei cambiamenti climatici, anche perché non sempre c'è il tema dell'allerta e possono verificarsi piene improvvise", ha ricordato Luca Garibaldi del Pd. "La Liguria continua a essere devastata", ha lamentato il consigliere Ferruccio Sansa. (ITALPRESS). fcn/fil/fsc/red 03-Ago-21 18:26

Sponsor

Articoli correlati

Strategia per l’economia circolare, conclusa la consultazione pubblica

Angelica Bianco

Wwf: “Approccio ecosistemico e inclusivo per tutelare il Mediterraneo”

Francesco Gentile

Mare caldo e anomalie atmosferiche favoriscono i tornado italiani

Barbara Braghin

Lascia un commento