domenica, 26 Maggio, 2024
Politica

Giorgia leader? Cresce in Europa ma punta all’Italia

Identità, sovranità, famiglia, confini ed economia reale. Sono i cinque punti che Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia rilancia nel suo tour politico a Bruxelles. Con stoccate a ripetizione contro il Governo.

“Incomprensibile la soddisfazione del premier Draghi per le conclusioni del Consiglio europeo sull’immigrazione”, sottolinea tagliente Giorgia Meloni, “Al rinnovo dell’accordo con la Turchia di Erdogan e allo stanziamento di altri tre miliardi di euro da versare ad Ankara corrisponde, infatti, il nulla totale sul fronte del Mediterraneo centrale”.

DELUSA DA DRAGHI

Critiche anche verso le conclusioni del recente summit G7. “Poche e generiche righe sulla Libia”, sottolinea con disappunto la leader di F.d’I, “nessun impegno concreto per bloccare le partenze, zero azioni risolutive per arginare il flusso incontrollato di immigrati. Risultato: l’Europa abbandona l’Italia al suo destino. Un clamoroso fallimento del nostro Governo che non può essere nascosto sotto il tappeto”.

RUOLO NTERNAZIONALE

Per Giorgia Meloni l’obiettivo è duplice rafforzare il gruppo dei Conservatori europei e da Bruxelles stagliarsi sulla politica italiana come leader che ha credibilità internazionale. Primo risultato è l’aver dato spazio e nuovo ruolo al
gruppo dei Conservatori Riformisti Europei, (Ecr) “è la casa di chi difende identità, sovranità, famiglia, confini ed economia reale. Per questo cresce e continuerà a crescere”, commenta Giorgia Meloni.

NON SOLO SONDAGGI

Da leader capisce che oggi un esponente politico di primo piano non può curarsi solo di avere sondaggi a favore, ma anche deve governare i cambiamenti. Il percorso nel progetto della presidente di Fd’I non può essere solo quello delle strettoie e le contraddizioni della politica italiana, a lei serve un ruolo incisivo a livello di leadership europea.

SI AI CONSERVATORI EUROPEI

Per Giorgia Meloni  “Conservatori europei è oggi il partito, il gruppo trait d’union del centrodestra. Credo che possa essere attrattivo tanto per formazioni, com’è il caso di Fidesz, che arrivano dal Ppe; “noi siamo interessati ad allargare l’Ecr”, che ricorda,“è l’unico partito europeo che ha collegamenti con partiti anche al di fuori dei confini Ue, come i Repubblicani americani, il Likud israeliano, i Tories inglesi”.

LEGA IN ECR? SI VEDRA’

Nel disegno di Giorgia c’è un possibile raccordo in casa Ecr con la riottosa Lega. Il partito di Salvini per ora si mostra distante.

Lei prende atto che non ci sono ancora punti di incontro. “ La Lega ha posizioni compatibili con le mie idee, siamo alleati, ma non sta a me decidere”.

MIGRANTI GOVERNO IRRAGIONEVOLE

“Il tema non è la solidarietà”, spiega la Meloni, “la proposta italiana finora è stata irragionevole, perché pretendiamo che nazioni che difendono, come noi, un pezzo di confine dell’Ue e non fanno entrare immigrati clandestini, si redistribuiscano i nostri”.

“A questa posizione italiana”, riferisce la presidente di Fratelli d’Italia, “non si oppongono l’ungherese Orban o il polacco Morawiecki, ma la Germania e la Francia, governi che non sono considerati sovranisti; e anche la Spagna, perché è una proposta irragionevole”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Confartigianato: rischi per inflazione, lavoro e credito. Il Governo riduca le tasse

Leonzia Gaina

Le vignette di Alex

Alex Di Gregorio

Fisco e lavoro, la carta vincente delle semplificazioni. “Metodo Casellati” circolo virtuoso cittadini-istituzioni

Giampiero Catone

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.