mercoledì, 22 Settembre, 2021
Ambiente

GenZ-Millennial. Agricoltura sostenibile volano per l’economia

L’agricoltura e le professioni a essa legate sembrano tornare centrali nell’economia italiana, e le nuove generazioni sono le protagoniste di questo rilancio.

Il terzo numero dell’Osservatorio del mondo agricolo, realizzato dalla Fondazione Enpaia (l’Ente Nazionale di Previdenza per gli Addetti e per gli Impiegati in Agricoltura) e dal Censis, dal titolo “La riscoperta dell’agricoltura nella youth economyfotografa il nuovo rapporto che i giovani hanno con la terra, con la produzione e il consumo del cibo, con l’impresa e il lavoro in agricoltura.

Per 9 giovani su 10 sostenibilità ambientale e lotta al riscaldamento globale sono gli obiettivi prioritari da perseguire, e individuano nell’agricoltura il settore che con tempestività ed efficacia sta rispondendo a questa urgenza (per il 60% secondo la Gen Z, il 48% per i Millennial).

AGRICOLTURA. SISTENIBILITÀ E INNOVAZIONE

E se i giovani tornano alla terra, lo fanno con un occhio attento all’innovazione tecnologica e alla sostenibilità, abbracciando il digitale e il nuovo paradigma dell’economia di tipo circolare.

Il 62,8% sarà attento a ridurre gli sprechi, il 46,4% farà la raccolta differenziata per i rifiuti, il 32,2% preferirà prodotti locali, per limitare l’inquinamento, il 32,1%, tenterà di acquistare meno prodotti in plastica. In questi anni, inoltre, i giovani hanno dimostrato di saper fare buon uso delle opportunità dell’Ict.

«L’agroalimentare è il settore del futuro e sarà il traino per la ripresa economica del Paese post pandemia. A mio avviso – sostiene Giorgio Piazza, presidente della Fondazione Enpaia – sono tre i cardini su cui puntare: innovazione tecnologica, sostenibilità e giovani».

POST COVID-19: NUOVE OPPORTUNITÀ

Purtroppo è sempre alta la quota di giovani che non ha fiducia nelle istituzioni e ben il 60,2% di essi è certo che il cammino post pandemia non sarà una passeggiata.

«Stabilità del lavoro e protezioni sociali costituiscono le maggiori incertezze delle nuove generazioni, ma anche il terreno su cui verranno misurate le istituzioni e la rappresentanza politica», afferma Piazza.

Il 51,7% dei giovani, però, è convinto che il settore agricolo ripartirà prima di altri. L’agricoltura sostenibile viene vista come una reale opportunità lavorativa e, infatti, sono principalmente le nuove generazioni a scommettere sul settore: tra le imprese agricole nate nell’ultimo decennio l’11,3% ha un titolare giovane.

Gen Z e Millennial si dimostrano tenaci, nel tentativo di realizzare i propri progetti e raggiungere gli obiettivi prefissati.

«Fondamentale sarà stimolare la voglia di fare impresa degli italiani – afferma Giuseppe De Rita, presidente del Censis -. I giovani sono pronti a giocarsela in agricoltura, sono un esempio concreto di come ripartire dal basso, dalla voglia di fare delle persone».

Sponsor

Articoli correlati

Da domani nuova mappa per l’Italia, la Sardegna rimane in rosso

Redazione

Aumenta contributo Italia contro l’AIDS, Tubercolosi, Malaria

Redazione

Confindustria di Italia, Germania e Francia: per uscire dall’emergenza i Governi diano risposte ambiziose e solidali

Angelica Bianco

Lascia un commento