mercoledì, 16 Giugno, 2021
Economia

Dichiarazione dei redditi precompilata, novità e criticità

Conto alla rovescia per la dichiarazione dei redditi precompilata 2021. I nuovi modelli sono già disponibili sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate e a partire dal 19 maggio si potrà inviare la dichiarazione precompilata, anche apportando modifiche o integrazioni. L’invio della dichiarazione sarà possibile fino al 30 settembre, invece per il Modello Redditi Persone fisiche ci sarà tempo fino al 30 novembre 2021.

Le dichiarazioni precompilate contengono dati e informazioni, risultato delle analisi incociate svolte dai funzionari dell’Agenzia delle Entrate sulle differenti banche dati messe a disposizione del Fisco. Sotto la lente del Fisco passano, in primis, i dati relativi alle spese sanitarie ma, anche, gli importi afferenti a premi e rimborsi assicurativi e quelli legati alle erogazioni liberali.

A partire da quest’anno, per poter beneficiare della detrazione del 19%, il contribuente dovrà aver avuto l’accortezza di pagare in modalità tracciabile (bancomat, carta di credito e prepagate e assegni).

La detrazione del 19% continua a valere, invece, anche per i pagamenti in contanti di medicinali, di dispositivi medici e di prestazioni sanitarie rese da strutture pubbliche o private accreditate.

 

LA CONFLUENZA DEI DATI CONTRO IL TAX GAP

Sarebbero ben 161 le banche dati messe a disposizione dell’amministrazione finanziaria e del partner tecnologico Sogeiper la prevenzione e il contrasto dell’evasione fiscale. Complessivamente sarebbero circa un miliardo i dati messi a disposizione dell’Agenzia delle Entrate. Poter contare su tale straordinaria mole di dati a rilevanza fiscale è l’obiettivo che il governo ha indicato anche nel piano nazionale di ripresa e resilienza. La maggiore difficoltà, semmai, sarà quella di riuscire a realizzare la confluenza in una struttura davvero più efficiente per la migliore fruibilità da parte degli uffici del Fisco, impegnati a chiudere il «tax gap», cioè il divario tra imposte dovute e imposte effettivamente versate.

 

LA SICUREZZA PASSA PER L’ANONIMIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI

Vi è poi, un’altra sfida che si pone sul tavolo dell’amministrazione finanziaria: garantire la sicurezza di quei big-data, specialmente in considerazione dell’elevato livello di sensibilità di quelle informazioni. Tutte quelle informazioni legate ai cittadini contribuenti pongono l’esigenza di riuscire a contemperare interessi e diritti in gioco. Da una parte, l’obbligo costituzionalmente statuito di contribuire alla spesa pubblica e, dall’altra, il diritto – anche quello – fondamentale alla protezione dei dati personali e al rispetto della privacy. In considerazione di tale esigenza, la legge di Bilancio 2020 ha già dato l’incipit ad un complesso processo di «anonimizzazione» delle informazioni di cui dispone l’amministrazione finanziaria.

Sponsor

Articoli correlati

Consumi e redditi: necessari i fondi del Mes, per rilanciare servizi sanitari ed economia

Maurizio Piccinino

Una proposta per migliorare il fisco

Giovanni Di Corrado

Lavoro, in Italia si infrange il sogno Finlandia

Angelica Bianco

Lascia un commento