mercoledì, 23 Giugno, 2021
Salute

Intesa Sanpaolo sostiene lo sviluppo dell’Università Campus Bio-Medico

Intesa Sanpaolo e Campus Bio-Medico SpA, uno degli Enti Promotori dell’Universita’ Campus Bio-Medico di Roma, hanno sottoscritto un accordo di finanziamento per un ammontare complessivo di 50 milioni di euro legato a investimenti con caratteristiche innovative di sostenibilita’. Il piano di investimenti cosi’ finanziato prevede la realizzazione di nuovi spazi ed infrastrutture per la didattica universitaria, la formazione e la ricerca scientifica tutti con caratteristiche di sostenibilita’ ambientale ed efficienza energetica. Intesa Sanpaolo conclude cosi’ un’ulteriore operazione a valere sui 6 miliardi di euro dedicati alla circular economy previsti nel Piano d’Impresa 2018-2021, plafond che dal suo lancio ha finanziato circa 200 progetti. Il finanziamento e’ stato concluso dalla Divisione IMI Corporate & Investment Banking di Intesa Sanpaolo guidata da Mauro Micillo con il supporto del Circular Economy Desk di Intesa Sanpaolo Innovation Center, societa’ dedicata all’innovazione e alla diffusione dell’economia circolare. “Per Intesa Sanpaolo e’ motivo di grande orgoglio e soddisfazione poter supportare un’eccellenza italiana come l’Universita’ Campus Bio-Medico di Roma nei propri progetti di sviluppo – afferma Richard Zatta, Responsabile Global Corporate della Divisione IMI Corporate & Investment Banking di Intesa Sanpaolo -.

In un momento come quello attuale, segnato profondamente dagli effetti della crisi pandemica, il sostegno al settore della sanita’, dell’universita’ e della ricerca scientifica appare ancora piu’ cruciale. Il progetto finanziato permettera’ di ampliare ulteriormente gli spazi per la didattica universitaria con strutture ecosostenibili e a basso impatto ambientale”.

“Una grande crisi come quella in atto ha reso evidenti le molte fragilita’ del nostro sistema socio-economico ma al contempo rivela le grandi opportunita’ delle Universita’ che si trovano a poter tradurre le esigenze di cambiamento verso grandi avanzamenti tecnologici, sociali, di conoscenza scientifica e di riflessione sui valori fondanti del nostro vivere civile, sull’organizzazione sociale e sull’impegno al servizio degli altri – spiega Giuseppe Garofano, presidente della Campus Bio-Medico SpA – Soggetto Promotore dell’Universita’ Campus Bio-Medico di Roma -. In questo contesto, i fondi di cui potremo disporre saranno investiti secondo un disegno coerente con la mission dell’Ateneo per potenziarne l’offerta formativa e di servizio secondo il paradigma della sostenibilita’ integrale: ambientale, economica, sociale e finanziaria che saranno l’infrastruttura culturale sulla quale perseguiremo il piano di sviluppo a lungo termine dell’Ateneo”.

L’operazione prevede una tranche di circa 30 milioni di euro finalizzata alla realizzazione di infrastrutture verdi e di mobilita’ e spazi innovativi dedicati alla formazione universitaria, all’apprendimento informale e alla campus life che accoglieranno gli studenti dell’Ateneo gia’ a partire dall’Anno Accademico 2022-23. Il progetto prevede un significativo miglioramento dell’efficienza energetica sia dei nuovi spazi, sia dei vari impianti connessi che permetteranno di ottimizzare l’irraggiamento solare, regolare il rinnovo dell’aria e consentiranno, inoltre, la produzione del calore necessario per il riscaldamento evitando cosi’ la combustione di metano.

Una seconda tranche da 20 milioni di euro sara’ finalizzata a rifinanziare, allungando la scadenza, la rimanente parte di un precedente mutuo concesso per consentire la costruzione del complesso ospedaliero e universitario. L’Universita’ Campus Bio-Medico e’ composta dalla Facolta’ di Medicina e Chirurgia (con corsi di laurea in italiano e in inglese e 24 scuole di specializzazione), dalla Facolta’ di Ingegneria (con il corso, tra gli altri, di Ingegneria Chimica per lo Sviluppo Sostenibile) e dalla Facolta’ di Scienze e Tecnologie per l’uomo e per l’ambiente (con un corso specificamente vocato alla circular economy) e accoglie oltre 2.200 studenti. I suoi laboratori di ricerca ospitano 50 Unita’ di ricerca, con circa 400 ricercatori. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico e’ dotato di 400 posti letto, 18 sale operatorie, 70 ambulatori e un Pronto Soccorso – DEA di I livello (temporaneamente riconvertito in Covid Center con 100 posti letto dedicati) e attrezzato con tutte le piu’ moderne dotazioni tecnologiche in ambito diagnostico e terapeutico.

Sponsor

Articoli correlati

Coronavirus, 26.824 nuovi casi e 380 decessi in 24 ore

Redazione

Sanità non è sempre sinonimo di salute

Giampiero Catone

La salute come fondamentale diritto dell’individuo 

Domenico Turano

Lascia un commento