mercoledì, 16 Giugno, 2021
Attualità

Si rafforza l’impegno delle banche per lo sviluppo sostenibile

Dall’ultima rilevazione BusinEsSG, che ABI dedica all’integrazione nelle attivita’ bancarie delle dimensioni ambientale, sociale e di gestione d’impresa (acronimo ESG dall’inglese Environmental, Social and Governance), realizzata per rappresentare lo stato dell’arte delle Dichiarazioni non finanziarie (Dnf) pubblicate dalle banche nel 2020 rispetto alle attività’ svolte nel 2019, emerge l’impegno del settore bancario ad adottare strategie e azioni di sviluppo sostenibile in grado di dare un contributo in Italia al raggiungimento dei 17 obiettivi dell’Agenda 2030 promossa dalle Nazioni Unite. Dall’indagine, banche che rappresentano l’81,9% in termini di totale attivo di settore, rendicontano iniziative coerenti con il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilita’ dell’Onu (Sustainable Development Goals, SDGs nell’acronimo inglese).

In relazione agli SDGs connessi a temi, in particolare, dall’indagine emerge che i principali obiettivi rendicontati (da oltre il 70% del totale attivo di settore) sono: occupazione e crescita economica, istruzione di qualita’, parita’ di genere, citta’ e comunita’ sostenibili, contrasto alla poverta’, consumo e produzione responsabili, lotta contro il cambiamento climatico, energia pulita e accessibile.

Dichiarazione non finanziaria, un lavoro ‘di squadra’ Dall’indagine Abi emerge come la rendicontazione non finanziaria sia un processo trasversale che coinvolge sempre piu’ la banca in tutta la sua struttura organizzativa. L’elaborazione della Dichiarazione non finanziaria e’ coordinata nella maggior parte dei casi, in banche rappresentanti l’84% del settore in termini di totale attivo, dall’unita’ preposta alla sostenibilita’, ma tutti i rispondenti affermano il coinvolgimento delle funzioni Bilancio, Risk Management, Risorse Umane, Acquisti e logistica. La rilevazione Abi mette in luce anche il confronto con le diverse realta’ che si relazionano con la banca, quali i dipendenti, i clienti, gli azionisti, ricercatori o accademici, organizzazioni del terzo settore. Inoltre, l’80% in termini di totale attivo inserisce nella Dnf l’enunciazione di impegni precisi nei confronti dei diversi soggetti o gruppi che si relazionano con la banca.
Secondo l’indagine, il sito Internet e’ il principale canale di comunicazione che le banche usano per comunicare i loro risultati di sostenibilita’. Gli altri canali utilizzati, anche in modo concomitante, sono le piattaforme social (78% del totale attivo) in particolare Linkedin e a seguire Facebook e Twitter.

Sponsor

Articoli correlati

Continuano a diminuire le rapine in banca

Giulia Catone

ASviS, inaugurata la scuola sullo sviluppo sostenibile per Regioni e Province autonome

Rosaria Vincelli

Mario Draghi: My way

Tommaso Paparo

Lascia un commento