martedì, 26 Ottobre, 2021
Agroalimentare

Dopo 30 anni torna in Italia il simposio della fragola

Si svolgerà on line dall’1 al 5 maggio il simposio internazionale della fragola, organizzato dal Crea e dall’Università Politecnica delle Marche. Appuntamento che torna in Italia dopo oltre 30 anni. “Il simposio è nato in Italia, a Cesena, nel 1988 anche grazie all’iniziativa di Walther Faedi, già direttore dell’Istituto Sperimentale per la Frutticoltura di Forlì, oggi Crea, e sono davvero felice di vederlo tornare – spiega il presidente Crea Carlo Gaudio nel suo intervento introduttivo – nel frattempo il patrimonio Crea relativo alla fragola si è sempre più consolidato: delle oltre 40 varietà ottenute, alcune hanno avuto un ruolo significativo nella fragolicoltura, non solo nazionale.

Il Crea è focalizzato attualmente sul carattere della rifiorenza della pianta e dell’aromaticità del frutto, come dimostra una recente varietà, che richiama la preziosa fragolina di bosco”. Saranno 15 sessioni in plenaria, oltre 30 in parallelo, 120 presentazioni orali e 180 posters per l’evento che intende essere il punto d’incontro tra l’aspetto accademico/scientifico e quello industriale delle fragole su scala internazionale. Quest’anno, inoltre, il simposio darà l’opportunità di conoscere la fragola italiana, da nord a sud, con la possibilità di visualizzare sulla piattaforma on-line i tour delle diverse aziende.

Saranno affrontati tutti i temi “caldi” della ricerca: dall’impatto dei cambiamenti climatici alle tecniche di coltivazione, dall’innovazione varietale alla genetica e alle biotecnologie fino ai benefici salutistici per il consumatore. L’approccio sarà non solo teorico, ma anche pratico, attraverso la giornata tecnica e la “Berry School”. “Accolgo con grande favore – dichiara il Sottosegretario Mipaaf Francesco Battistoni – il ritorno in Italia del simposio internazionale della fragola. A distanza di trent’anni il nostro Paese tornerà ad ospitare la manifestazione scientifica sulle fragole più importante del mondo”. Quasi 800 le iscrizioni, provenienti da tutto il mondo, con un vero e proprio boom – circa 300 – registrato in Cina. Per il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano, “la ricerca scientifica sul settore agroalimentare è una tradizionale eccellenza dell’Italia Inoltre, la produzione agroalimentare si alimenta di ricerca scientifica e quella italiana è anche per questo tra le più sostenibili al mondo”.

Sponsor

Articoli correlati

Enea nel progetto Ue per strategia unitaria di sicurezza alimentare

Francesco Gentile

Piemonte, pubblicata graduatoria per superfici viticole Barbera d’Asti

Francesco Gentile

Cereali, preparazione campagna aratura-semina 2021/2022 in Algeria

Francesco Gentile

Lascia un commento