sabato, 19 Giugno, 2021
Economia

Confartigianato: export, caos etichettature, in difficoltà migliaia di imprese

Nuova confusione ad un quadro già poco chiaro. È la sintesi che fanno le imprese che esportano all’estero in merito alla etichettatura ambientale. A porre il problema che rischia di bloccate l’export delle imprese è la Confartigianato che sollecita un chiarimento urgente da parte dei ministeri competenti.

“In Italia è scattato l‘obbligo di etichettatura ambientale degli imballaggi imposto dal recepimento del pacchetto di direttive europee sull’economia circolare”, ricorda la Confederazione, “La norma che lo ha introdotto (il Decreto legislativo 116/2020) ha però lasciato aperti diversi dubbi interpretativi e forti incertezze sugli aspetti operativi che stanno disorientando molti produttori e utilizzatori.

Non sono chiari i contenuti da riportare in etichetta, i soggetti obbligati, le tempistiche per l’esaurimento scorte per gli imballaggi in magazzino. Ma soprattutto non sono chiare le tempistiche per adeguarsi alle nuove disposizioni e gli adempimenti per il prodotto destinato all’estero”.

Confartigianato è stata chiamata dal Conai , – nella nuova versione “Guida all’ adesione e all’applicazione del Contributo Ambientale Conai –

insieme alle principali associazioni di imprese, a redigere linee guida condivise che potessero in qualche modo colmare le lacune normative: tre mesi di intenso lavoro (ottobre-dicembre 2020) con l’obiettivo di aiutare le imprese in attesa dei necessari quanto urgenti correttivi normativi.

Correttivi che non sono arrivati. “Anzi, con il Decreto Milleproroghe è stata sospesa temporaneamente”, ricorda la Confederazione, “una parte dell’obbligo in capo ai produttori, le indicazioni per il fine vita, lasciando vigente l’obbligo di apporre su tutti gli imballaggi la codifica identificativa del materiale secondo le norme europee. In pratica, una sospensione parziale che ha aggiunto confusione ad un quadro già poco chiaro”.

Confartigianato, oggi di fronte alle incertezze, pur condividendone le finalità, “ritiene necessaria una sospensione di tutta la misura almeno fino ad inizio 2022 per disporre del tempo necessario a chiarirne l’operatività con correttivi legislativi”. Infatti, una linea guida Conai non ha la forza normativa per regolare un intero sistema e non fornisce alcuna garanzia per le aziende.

Anche perché le sanzioni previste per le inadempienze, da 5.200 a 40 mila euro, “sono assolutamente spropositate e insostenibili”, conclude la Confartigianato, “per le piccole e medie imprese costrette ad operare in tempi di pandemia in un contesto così poco chiaro”.

Sponsor

Articoli correlati

Confartigianato: più di un terzo delle micro e piccole imprese rimarrà esposta, almeno fino all’estate

Angelica Bianco

Imprese: lavori 4.0, 18mila al mese tra Milano, Monza e Lodi

Redazione

Calo di interscambio commerciale con i Paesi extra Ue

Francesco Gentile

Lascia un commento