venerdì, 20 Maggio, 2022
Agroalimentare

Agroalimentare green. Contro la fame e per l’ambiente

Una delle sfide più difficili è soddisfare il crescente fabbisogno di cibo sano e accessibile, riducendo, al contempo, l’impatto ambientale dell’agricoltura.

Per raggiungere obiettivi così ambiziosi è vitale riconoscere l’interdipendenza di ogni singola componente: dalle risorse agroalimentari, ai mezzi di sussistenza, al benessere delle persone fino alla conservazione delle materie prime.

È fondamentale tracciare un percorso che veda partecipi tutti gli individui, guidati dalle istituzioni e supportati dall’innovazione, dalla tecnologia e dai dati.

FAO: Lectio Magistralis di Qu Dongyu

Il 25 febbraio, ai Colloquia on Science Diplomacy organizzati dell’Accademia Nazionale dei Lincei è intervenuto Qu Dongyu, direttore generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura, con una Lectio Magistralis dal titolo “Trasformazione dei Sistemi Agroalimentari: dalla Strategia all’Azione”. L’evento speciale è stato introdotto da Giorgio Marrapodi, direttore generale della Cooperazione allo sviluppo del ministero degli Esteri e moderato dal professor Wolfango Plastino, presidente dei Colloquia on Science Diplomacy.

Durante il suo intervento Qu Dongyu ha sottolineato l’importanza di un approccio sistemico che coinvolga la politica, i modelli di business, e la cultura.

«Una riorganizzazione olistica dei sistemi agroalimentari mondiali può portare un enorme contributo al raggiungimento degli obiettivi globali, come sconfiggere la fame entro il 2030.

Trasformare i sistemi alimentari – ha affermato il D.G. della FAO –  è uno degli strumenti più potenti a nostra disposizione per cambiare direzione, progredire verso la realizzazione dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e ricostruire al meglio dopo la pandemia da Covid-19. Una migliore produzione richiede di assicurare percorsi di produzione e consumo efficienti e sostenibili e filiere agroalimentari inclusive a livello locale, regionale e globale. L’agricoltura digitale, – ha proseguito – l’attenzione ai piccoli produttori e all’innovazione verde sono tutti elementi chiave del progresso in questo ambito».

I numeri della malnutrizione

«Ci sono 821 milioni di persone che soffrono la fame o la malnutrizione, 123 milioni soffrono di insicurezza alimentare causata dalle crisi, con l’80% di estrema povertà nelle aree rurali» ha dichiarato Giorgio Marrapodi.

Come ha ricordato Qu Dongyu, un bambino su cinque è rachitico, tre miliardi di persone non possono permettersi una dieta sana e una persona su dieci non ha accesso a cibo salubre.

Numeri agghiaccianti, soprattutto se si considera l’ingente quantità di cibo che va sprecata ogni anno nel mondo.

Sostenibilità ed economia inclusiva

Soprattutto in seguito alla pandemia, si è rafforzata l’idea di una stretta connessione tra il benessere dell’ambiente e il benessere degli individui. L’approccio, pertanto, che si sta tentando di infondere è rivolto alla sostenibilità e all’inclusione. A tal proposito, Qu Dongyu e Marrapodi hanno ricordato le iniziative “Hand-in-Hand” per sostenere la trasformazione rurale, sistemi alimentari urbani e sistemi agroalimentari resilienti attraverso investimenti appropriati, e “Food Coalition”, per creare un sistema alimentare resiliente e sostenibile.

«Un migliore ambiente significa proteggere, ripristinare e promuovere l’uso sostenibile degli ecosistemi terreni e marini, promuovere un ambiente favorevole ai sistemi agricoli, e combattere i cambiamenti climatici – ha affermato Qu Dongyu –. Tutelare la biodiversità, incluso la biodiversità agricola e la diversità delle diete, è un importante stimolo all’azione in questo senso. Una vita migliore può essere raggiunta riducendo le iniquità tra aree urbane e rurali, ricchi e poveri, uomini e donne, e promuovendo una crescita economica inclusiva – e ha concluso –. Questo può essere favorito anche dalla lotta alle perdite e agli sprechi alimentari e assicurandosi che i mercati e il commercio siano liberi e accessibili a tutti».

Sponsor

Articoli correlati

Natale, è l’artigiano il nuovo personaggio del Presepe 2021

Ettore Di Bartolomeo

Bando per la mobilità sostenibile al Sud

Redazione

“Vestirsi” di verde non sia solo una moda

Rosaria Vincelli

Lascia un commento