giovedì, 6 Maggio, 2021
Agroalimentare

Export dei prodotti agroalimentari made in Italy mai positivo come nel 2020

“I dati Istat sulle esportazioni dell’agro-alimentare nel 2020 smentiscono definitivamente i “Gufi” che per 12 mesi hanno provato a raccontarci che anche questo settore sarebbe stato duramente colpito dalla pandemia.

Mentre l’export complessivo italiano segna -9.7% (in linea con i dati di paesi come Spagna e Germania), quello del nostro settore aumenta dell’1,9% rispetto al 2019, facendo segnare un massimo storico con oltre 46,1 miliardi di euro”. Lo afferma in una nota il segretario generale Uila-Uil Stefano Mantegazza.

“Questo straordinario risultato non fa venire meno la consapevolezza che, a fronte di settori che hanno ben performato come le conserve, la pasta o l’olio di oliva, ce ne sono altri, come il vino, che sono in sofferenza”, aggiunge.

“Il risultato complessivo è comunque straordinario e riempie di orgoglio tutte le lavoratrici e i lavoratori che hanno contribuito in maniera determinante a questo ennesimo successo del “food” Made in Italy – conclude Mantegazza -. Questo trend di crescita va ora rafforzato e implementato, utilizzando al meglio le risorse che arriveranno dal Recovery Found.

E’ l’occasione per mettere mano alle riforme che l’Unione europea ci chiede e per rilanciare gli investimenti, pubblici e privati, insieme ai consumi interni”.

Sponsor

Articoli correlati

L’export italiano è profondamente diversificato a livello territoriale

Redazione

Conflavoro Pmi alla Farnesina sul Made in Italy: “Meno tasse e burocrazia dimezzata per rilanciare immagine e prodotti italiani”

Redazione

Agroalimentare, per via della Brexit a rischio miliardi di euro dall’export

Redazione

Lascia un commento