mercoledì, 20 Ottobre, 2021
Attualità

Economia, secondo un indagine la pandemia sta peggiorando il “clima” economico austriaco

La valutazione del proprio clima economico è peggiorata significativamente in Austria a causa della pandemia.
Questo è dimostrato dal barometro delle PMI raccolto dalla società di consulenza EY. La percentuale di aziende che valutano la loro attuale situazione economica come positiva senza riserve è scesa dal 59% dell’anno precedente al 37%. Il numero di coloro che le classificano come negative è aumentato dall’8 al 28 per cento. Questo è il peggior risultato del sondaggio dal febbraio 2009. Tuttavia, scrive il quotidiano locale Kourier, sette PMI su dieci valutano attualmente la situazione degli affari come piuttosto buona o buona, rispetto al 92% all’inizio del 2020. Nel settore immobiliare e delle costruzioni, quasi due terzi delle PMI
(61%) sono ancora soddisfatte della situazione economica, seguite dal settore dell’energia e della fornitura di acqua (57%).

Questi due settori sono gli unici in cui più intervistati valutano il clima economico come positivo che negativo. Come ci si aspettava, il turismo è il fanalino di coda; qui solo il 14% valuta attualmente la propria situazione economica come buona.

L’anno precedente era il 62%. Per la prima volta dalla crisi economica globale di quasi 13 anni fa, più aziende prevedono un peggioramento della loro situazione economica piuttosto che un miglioramento. Un manager su quattro è scettico, solo uno su cinque ha un’opinione positiva. La percentuale di coloro che si aspettano un peggioramento è passata dal nove al 24% rispetto all’inizio del 2020. Tre quarti degli imprenditori temono il nuovo scoppio della pandemia come la più grande minaccia allo sviluppo della loro azienda. Per la prima volta dopo anni, la carenza di lavoratori qualificati non è al primo posto. Nel 2020, due terzi hanno dichiarato che la mancanza di candidati qualificati rappresentava il maggior rischio per lo sviluppo della propria azienda; quest’anno è stato solo meno di sei su dieci (57%).

La preoccupazione per una recessione economica, invece, è aumentata notevolmente: mentre l’anno precedente il 43 per cento delle PMI considerava un’eventuale recessione come un rischio potenziale, quest’anno sono quasi tre quarti (71 per cento). Per il sondaggio sono state coinvolte 800 aziende di medie dimensioni, non orientate al mercato dei capitali, con 30-2.000 dipendenti.

 

Sponsor

Articoli correlati

Tg Economia del 25/06/2019

Redazione

Interrogativi sulla manovra economica

Giampiero Catone

Tg Economia del 17/06/2019

Redazione

Lascia un commento