mercoledì, 1 Dicembre, 2021
Il Cittadino

L’Opera dei Pupi

Poca fatica questa settimana per “Il cittadino”.

È bastato trascrivere il testo di una rappresentazione per beneficenza dell’Opera dei Pupi, alla quale ho occasionalmente assistito in settimana: all’aperto, con le debite distanze ed in mascherina, assicuro subito.

……………….

CARLO MAGNO, entrando in scena alquanto irritato: «Rolando, Rolando, spiegatemi che succede. Mi dicono che i cavalieri non vi vogliono più e avete lasciato il comando…»

ORLANDO: «Sire, troppi galletti nel pollaio. Litigano sempre. Ognuno vuole qualcosa per sé stesso. Non mi hanno mai veramente obbedito. Così ho detto che mi sarei ritirato»

ANGELICA, irrompendo nel dialogo: «Te ne dovevi annà via, prima! Nun conti niente. Sire, manna tutti a casa e famo un Torneo: er cavaliere che vince comanna. E l’antri zitti e mosca».

ORLANDO: «Ma che andate dicendo, Angelica. Le regole sono altre. Affidare il comando  al vincitore di un Torneo, che idea! Il comando è una cosa seria, da docente. Bisogna sentire le corporazioni. Ma anche gli speziali: l’epidemia incombe».

FERRAÙ, fragorosamente entrando in scena: «Credevi di avermi ucciso vile Rolando. Ma io sono invulnerabile». Poi, rivolto a Carlo Magno: «Maestà non gli credete. È solo un artificio per prendere più potere. E vuole che voi non vi immischiate».

MAGO MALAGIGI: «Ferraù, traditore. Hai ancora un colpo di sole come l’anno passato? Fosse meglio che tu non parlerai o faccio un movimento stellare!».

ASTOLFO: «Ma possibile che non mi ascoltiate mai? Non serve dividersi, ma stare uniti. E tu, Rolando, devi capire che non sei un capo, ma una sintesi. Apriamo un tavolo».

GANO DI MAGONZA con dire severo e tristo: «Vi interrompo in questo inutile bisticcio. Sono arrivate le armature con le ruote, che mi avete chiesto di procurarvi. E anche le visiere da applicare obbligatoriamente e tenere chiuse. Sono miliardi di denari. Dove li prendo? Chi tiene la cassa?»

ORLANDO: «Ecco, Sire. Questo è il vero motivo. Vogliono tutti la cassa».

LA GUERRIERA BRADAMANTE: «Ma che dici? Capitano sintetico, come t’ha nomato Astolfo. Noi non vogliamo niente. Se no sarei rimasta al mio posto!».

CIRCASSO SACRIPANTE si affaccia sulla scena: «Ricordatevi che dovete morire»; e scompare.

ROLANDO, ignorando tutti e rivolgendosi all’Imperatore: «Sire, dammi tempo! Conosco una decina di cavalieri responsabili, di ogni credo e contrada, sui quali contare».

MANDRICARDO: «Un emporio, insomma. Io, il cavaliere più longevo, vi dico: armiamoci di scudo crociato e assidiamoci alla cristiana tavola rotonda, dove ognuno decide e nessuno comanda…»

CARLO MAGNO, zittendo il fragoroso clamore e bisticcio suscitato da quest’ultimo intervento: «Zitti tutti. Ascoltatemi in silenzio. Serve armonia. Incarico Agricane di incontrarvi tutti separatamente per trovare una intesa e di riferire. Accordatevi. Se non lo farete suonerò il mio Olifante ed evocherò il drago che col suo fuoco vi annienterà tutti».

ANGRICANE: «Sire, grato della fiducia. Ma non ci capivo niente prima, figuratevi ora!»

……………………….

ANGRICANE (dopo aver scambiato parole incomprensibili con tutti i personaggi): «Sire mi è chiaro soltanto che nulla è possibile: date pure fiato al corno Olifante».

Carlo Magno suona il corno e subito compare il drago fiammeggiante, mentre tutti i pupi svaniscono come per incanto.

Sipario. Applausi.

………….

Davano cortesemente voce ai Pupi:

CARLO MAGNO: il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

ROLANDO: il prof. Giuseppe Conte,  ex-Presidente del Consiglio.

ANGELICA: l’on. Giorgia Meloni, segretario di FdI.

FERRAÙ: il senatore Matteo Salvini, segretario della Lega.

MAGO MALAGIGI: l’ex ministro degli Esteri, on. Luigi Di Maio.

ASTOLFO: il segretario del PD, on. Nicola Zingaretti.

GANO DI MAGONZA: il commissario plenipotenziario Domenico Arcuri.

LA GUERRIERA BRADAMANTE: l’ex ministra dell’agricoltura, sen. Teresa Bellanova.

CIRCASSO SACRIPANTE: l’ex ministro della salute, on. Roberto Speranza.

MANDRICARDO: il Presidente della Fondazione DC, on. Gianfranco Rotondi.

ANGRICANE: il Presidente della Camera, on. Roberto Fico.

……………

E Matteo Renzi? mi ha chiesto ingenuamente il proto.

Era il puparo. Ovvio.

Sponsor

Articoli correlati

L’Europa rafforza il Governo

Giuseppe Mazzei

Incerte prospettive per il quadro politico. Verso il Partito del popolo

Giampiero Catone

Il coronavirus della politica

Antonio Falconio

Lascia un commento