giovedì, 26 Maggio, 2022
Il Cittadino

L’Opera dei Pupi

Poca fatica questa settimana per “Il cittadino”.

È bastato trascrivere il testo di una rappresentazione per beneficenza dell’Opera dei Pupi, alla quale ho occasionalmente assistito in settimana: all’aperto, con le debite distanze ed in mascherina, assicuro subito.

……………….

CARLO MAGNO, entrando in scena alquanto irritato: «Rolando, Rolando, spiegatemi che succede. Mi dicono che i cavalieri non vi vogliono più e avete lasciato il comando…»

ORLANDO: «Sire, troppi galletti nel pollaio. Litigano sempre. Ognuno vuole qualcosa per sé stesso. Non mi hanno mai veramente obbedito. Così ho detto che mi sarei ritirato»

ANGELICA, irrompendo nel dialogo: «Te ne dovevi annà via, prima! Nun conti niente. Sire, manna tutti a casa e famo un Torneo: er cavaliere che vince comanna. E l’antri zitti e mosca».

ORLANDO: «Ma che andate dicendo, Angelica. Le regole sono altre. Affidare il comando  al vincitore di un Torneo, che idea! Il comando è una cosa seria, da docente. Bisogna sentire le corporazioni. Ma anche gli speziali: l’epidemia incombe».

FERRAÙ, fragorosamente entrando in scena: «Credevi di avermi ucciso vile Rolando. Ma io sono invulnerabile». Poi, rivolto a Carlo Magno: «Maestà non gli credete. È solo un artificio per prendere più potere. E vuole che voi non vi immischiate».

MAGO MALAGIGI: «Ferraù, traditore. Hai ancora un colpo di sole come l’anno passato? Fosse meglio che tu non parlerai o faccio un movimento stellare!».

ASTOLFO: «Ma possibile che non mi ascoltiate mai? Non serve dividersi, ma stare uniti. E tu, Rolando, devi capire che non sei un capo, ma una sintesi. Apriamo un tavolo».

GANO DI MAGONZA con dire severo e tristo: «Vi interrompo in questo inutile bisticcio. Sono arrivate le armature con le ruote, che mi avete chiesto di procurarvi. E anche le visiere da applicare obbligatoriamente e tenere chiuse. Sono miliardi di denari. Dove li prendo? Chi tiene la cassa?»

ORLANDO: «Ecco, Sire. Questo è il vero motivo. Vogliono tutti la cassa».

LA GUERRIERA BRADAMANTE: «Ma che dici? Capitano sintetico, come t’ha nomato Astolfo. Noi non vogliamo niente. Se no sarei rimasta al mio posto!».

CIRCASSO SACRIPANTE si affaccia sulla scena: «Ricordatevi che dovete morire»; e scompare.

ROLANDO, ignorando tutti e rivolgendosi all’Imperatore: «Sire, dammi tempo! Conosco una decina di cavalieri responsabili, di ogni credo e contrada, sui quali contare».

MANDRICARDO: «Un emporio, insomma. Io, il cavaliere più longevo, vi dico: armiamoci di scudo crociato e assidiamoci alla cristiana tavola rotonda, dove ognuno decide e nessuno comanda…»

CARLO MAGNO, zittendo il fragoroso clamore e bisticcio suscitato da quest’ultimo intervento: «Zitti tutti. Ascoltatemi in silenzio. Serve armonia. Incarico Agricane di incontrarvi tutti separatamente per trovare una intesa e di riferire. Accordatevi. Se non lo farete suonerò il mio Olifante ed evocherò il drago che col suo fuoco vi annienterà tutti».

ANGRICANE: «Sire, grato della fiducia. Ma non ci capivo niente prima, figuratevi ora!»

……………………….

ANGRICANE (dopo aver scambiato parole incomprensibili con tutti i personaggi): «Sire mi è chiaro soltanto che nulla è possibile: date pure fiato al corno Olifante».

Carlo Magno suona il corno e subito compare il drago fiammeggiante, mentre tutti i pupi svaniscono come per incanto.

Sipario. Applausi.

………….

Davano cortesemente voce ai Pupi:

CARLO MAGNO: il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

ROLANDO: il prof. Giuseppe Conte,  ex-Presidente del Consiglio.

ANGELICA: l’on. Giorgia Meloni, segretario di FdI.

FERRAÙ: il senatore Matteo Salvini, segretario della Lega.

MAGO MALAGIGI: l’ex ministro degli Esteri, on. Luigi Di Maio.

ASTOLFO: il segretario del PD, on. Nicola Zingaretti.

GANO DI MAGONZA: il commissario plenipotenziario Domenico Arcuri.

LA GUERRIERA BRADAMANTE: l’ex ministra dell’agricoltura, sen. Teresa Bellanova.

CIRCASSO SACRIPANTE: l’ex ministro della salute, on. Roberto Speranza.

MANDRICARDO: il Presidente della Fondazione DC, on. Gianfranco Rotondi.

ANGRICANE: il Presidente della Camera, on. Roberto Fico.

……………

E Matteo Renzi? mi ha chiesto ingenuamente il proto.

Era il puparo. Ovvio.

Sponsor

Articoli correlati

Crisi e legge proporzionale: i capisaldi del corporativismo digitale

Tommaso Paparo ed Eleonora Diquattro

L’Europa senza leader? C’è Draghi…

Giuseppe Mazzei

Referendum: le partite nascoste

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento