martedì, 18 Maggio, 2021
Società

Scuola, Anief: “Riaprire le graduatorie al personale con abilitazione”

Sul decreto Milleproroghe Anief ha presentato in prima e quinta Commissione, Affari costituzionali e Bilancio della Camera, una serie di emendamenti all’Atto n. 2845, finalizzati a garantire il funzionamento delle scuole, ma anche dell’alta formazione coreutica e musicale e quindi pure degli atenei: “Sono emendamenti – dice il sindacalista Marcello Pacifico – che servono a confermare il personale assunto, e poi mirano, vista la straordinarietà della proroga dello stato di emergenza, a riconfermare quelle norme che consentono il trasferimento del personale, cancellando una volta per tutte il vincolo dei cinque anni imposto ai neo-assunti”.

Il leader dell’organizzazione sindacale autonoma chiede quindi espressamente l’avvio di “una mobilità straordinaria che vada appunto a compensare quelle norme che invece hanno impedito i trasferimenti” del personale scolastico, anche in presenza delle misure di “distanziamento sociale, per cercare di contenere il Covid-19”.

“Quindi, ancora una volta Anief presenta delle proposte – sono più di 20 – chiedendo che i parlamentari, in questo momento tra l’altro difficile per la maggioranza parlamentare, portino comunque all’approvazione della riapertura delle Graduatorie a esaurimento a tutto il personale che ha conseguito l’abilitazione”, prosegue.

Il sindacato autonomo ha infine chiesto “la trasformazione degli ultimi concorsi straordinari in concorsi per soli titoli: in questo modo si potrà consentire “l’accesso di tutti i candidati che hanno fatto domanda e che anche, negli anni successivi”, così da arrivare a “un aggiornamento delle procedure delle stesse graduatorie”, conclude Pacifico.

Sponsor

Articoli correlati

Scuola. Cisl: graduatorie supplenze a rischio caos. Troppe richieste e incongruenze il sistema va in tilt

Ettore Di Bartolomeo

Effetto vaccini. Inail: dimezzati contagi e infortuni per sanità e scuola

Paolo Fruncillo

Anief: “Violazione sistematica regole rappresentanza”

Redazione

Lascia un commento