domenica, 28 Febbraio, 2021
Società

DL Ristori, Patronati: “Necessari 71 milioni per non compromettere i servizi al cittadino”

Sponsor

Il prossimo Decreto Ristori dovrà prevedere uno stanziamento a favore del sistema dei patronati per scongiurare di compromettere l’operatività di un servizio di rilevante utilità per i cittadini.

È quanto sollecitano i principali patronati italiani in una lettera inviata ai ministri dell’Economia, Roberto Gualtieri, e del lavoro, Nunzia Catalfo, sottolineando che “l’intervento è assolutamente necessario per effetto delle minori entrate contributive che alimentano il sistema di finanziamento dei patronati”. La missiva è stata siglata dai patronati dei sindacati, dal Patronato Acli e da tutti quelli legati al mondo autonomo, artigianato, commercio e agricoltura (Patronato Epasa – Itaco Cna – Confesercenti, 50&più Enasco Confcommercio, Inac Cia, Epaca Coldiretti, Enapa Confagricoltura, Inapa Confartigianato).

La lettera indica un fabbisogno di 71 milioni per non pregiudicare gli standard di servizio garantiti negli ultimi anni. Attraverso gli uffici dei patronati passa la stragrande maggioranza delle domande di pensionamento, invalidità, ammortizzatori sociali, bonus famiglie e nuovi nati.

“Sottoponiamo alla vostra attenzione questa richiesta nella piena consapevolezza della situazione complessiva del Paese e della dimensione dell’impegno economico che riteniamo necessario” senza il quale “sarebbe fortemente compromessa l’operatività di un servizio che si è già dimostrato essere uno strumento di particolare utilità per i cittadini in un momento così delicato”.

Sponsor

Articoli correlati

Ciechi e falsi miti sui finti invalidi

Carmine Alboretti

Pensioni: Misiani “Quota 100 scade nel 2021 e non verrà prorogata”

Redazione

Cartelle fiscali, Recovery plan, ristori e licenziamenti. Percorso ad ostacoli per il Governo

Francesco Gentile

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni