giovedì, 2 Aprile, 2020
Politica

Un piano per il Mezzogiorno

Ieri a Roma a Palazzo Chigi incontro tra Governo e parti sociali. Oggetto del confronto: un piano per il Mezzogiorno. “La nostra idea per il rilancio del Mezzogiorno è fondata sulla paziente ricostruzione di quattro tipologie di capitale che ne rappresentano la ricchezza profonda: si tratta del capitale umano, fisico, naturale e sociale del Sud”. È quanto avrebbe detto il Premier Giuseppe Conte.

“L’accumulazione di questo capitale – avrebbe aggiunto – è risultata in forte ritardo, particolarmente negli ultimi anni della crisi economica. Dobbiamo recuperare questo ritardo. L’incontro di oggi rappresenta quindi un punto di partenza fondamentale per avviare questo percorso volto a far ripartire la crescita e lo sviluppo sociale nel Mezzogiorno”.

“In via prioritaria, si pensi al potenziamento delle infrastrutture, inclusa l’alta velocità ferroviaria, oggi quasi completamente assente, e a un piano di collegamenti autostradali efficiente”. Dichiara il segretario generale CISAL Francesco Cavallaro.

Auspicata anche l’istituzione di un fondo speciale per il sud destinato alle opere pubbliche e sottolineata l’esigenza di approntare un piano di investimenti per la messa in sicurezza degli edifici e del territorio.
Richiesta anche l’introduzione di una sorta di franchigia fiscale per le aziende del meridione che dimostrino di aumentare il loro fatturato.

Articoli correlati

Ue: Conte “Italia non vuole compromettere progetto europeo”

Redazione

Tre anni per governare non per litigare

Giuseppe Mazzei

Un Conte solo non fa centro

Giampiero Catone

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni