lunedì, 27 Gennaio, 2020
Ambiente

Ambiente Sovranista o Progressista?

Quando sulle soluzioni dei problemi si innestano argomenti ideologici le soluzioni si allontanano. È il caso della “Problema Rifiuti Italia”. Ambiente sovranista o ambiente progressista?
Abbiamo avuto, il 18 novembre, la firma del protocollo del governo col quale Conte annuncia “la priorità è la salute dei cittadini”. Il protocollo è stato firmato a Caserta, nella Terra dei fuochi e conteneva il piano d’azione per il contrasto dei roghi tossici. Il piano prevedeva il coordinamento con le prefetture campane per la gestione dei militari, oltre all’impiego di droni e al coinvolgimento dei medici di base. Prefetti, militari e droni: una vera e propria guerra dei rifiuti. Infatti, il governo aveva intenzione di creare una cabina di regia a Palazzo Chigi (non abbiamo notizie in merito) per coordinare gli interventi e gestire il lavoro di 100 carabinieri esperti in investigazioni ambientali, forze di polizia e forze armate.
Anche in questo settore la contrapposizione ideologica è tra progressismo e sovranismo ma la verità è che non esiste una vera e propria strategia industriale del rifiuto.
I termovalorizzatori (figli degli inceneritori) il governo “giallo-verde” li vuole costruire o no? Noi possiamo aggiornarvi sui dati ma sulle soluzioni è impossibile. Noi propendiamo per una politica industriale di termovalorizzazione dei rifiuti ed una revisione globale del modello di raccolta differenziata perché per chi non lo sapesse, da quando la Cina -sì ormai la Cina entra sempre nelle nostre cose- ha smesso di comprare la plastica e carta/rifiuto il problema della differenziata si sta aggravando. E quando smetterà di comprare anche altri rifiuti “differenziati” il problema diventerà gravissimo. Dobbiamo arrivare presto ad essere autosufficienti e, in questo caso, il concetto dovrebbe accontentare sia i sovranisti che i progressisti.

Quanti sono i termovalorizzatori presenti in Italia?
Il numero complessivo varia tra i 40 e i 50, a seconda se si contano o meno anche gli impianti non attivi o impiegati per lo smaltimento di rifiuti pericolosi industriali o chimici.
È al Nord Italia che si trova il maggior numero di termovalorizzatori, infatti ne sono presenti 28.
Nel Centro Italia ci sono nove termovalorizzatori di cui 5 nella regione Toscana. Sono otto i termovalorizzatori nel Sud Italia. Quello di Acerra, in provincia di Napoli, ha dimensioni considerate efficienti: smaltisce 600mila tonnellate di rifiuti l’anno.
I termovalorizzatori più grandi sono quello di Acerra e quello di Brescia, che brucia 880mila tonnellate l’anno.
Per dimensioni, sono importanti anche i termovalorizzatori di Milano, Torino, Parona Pavia, Padova, Granarolo Bologna, San Vittore del Lazio.
Gli impianti di piccole dimensioni si stanno spegnendo: non sono più in funzione o lo sono solo in modo ridotto, come quelli di Vercelli, Ospedaletto Pisa, Tolentino, Statte (Taranto) o Macomer Nuoro.

In Italia ‘mancano’ 8 termovalorizzatori, per 1,8 milioni di tonnellate anno.
È il risultato della ricognizione contenuta in un provvedimento che completa l’articolo 35 del decreto ‘Sblocca Italia’.
Con i termovalorizzatori il rifiuto si trasforma in energia. Quindi, il rifiuto diventando materia prima-seconda è ricchezza. I termovalorizzatori non devono essere dannosi per la salute. Certo! Occorre valutare le migliori soluzioni tecniche e fare ancora molta ricerca. Siamo per l’avvio di un Piano Industriale Rifiuti.
Queste colonne sono pronte ad ospitare ogni commento.

Related posts

Caso Gregoretti, la politica non abdichi alla magistratura

Carmine Alboretti

Più formazione per i magistrati

c. a.

A primo impatto

Luca Sabia

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni