martedì, 20 Ottobre, 2020
Salute

Lotta ai tumori. Melanoma, la vitamina B3 ferma le cellule cancerogene. La svolta negli esami di laboratorio

Sponsor

C’è da sperare bene. Una delle forme più aggressive di tumore, il melanoma può essere fermato e addirittura battuto da una vitamina, la B3. Secondo nuovi studi e prove è capace di inibire la crescita delle cellule cancerose così è accaduto negli studi in laboratorio. A dare la notizia è uno studio pubblicato sul Journal of Experimental and Clinical Cancer Research, che illustra e pone in evidenza come la vitamina B3 sia in grado di ridurre fino al 90% il numero di cellule del melanoma cutaneo, riducendone in vitro la crescita e aumentandone la morte. Il principio attivo è la Nicotinamide (Nam), nota come vitamina B3 o vitamina PP, usata in genere contro la pellagra.

“La vitamina B3, inoltre”, si legge nella presentazione dello studio, “ha ritardato significativamente la crescita tumorale in vivo e ha migliorato la sopravvivenza dei topi con melanoma, indicando un possibile ruolo chiave della risposta immunitaria”. La ricerca è stata condotta dall’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l’Istituto Dermopatico dell’Immacolata (IDI-IRCCS) e l’Università La Sapienza di Roma.

“La Nam o niacina, è una vitamina del gruppo B conosciuta anche come vitamina PP per la sua efficacia contro la pellagra”, fanno presente i ricercatori, “Nei nostri esperimenti in vitro e in vivo ha mostrato una rilevante attività contro il melanoma cutaneo. Abbiamo anche osservato che il suo meccanismo di azione prevede l’aumento di molecole come il NAD+ e l’ATP e l’inibizione dell’enzima SIRT2, la cui espressione è significativamente aumentata nel melanoma e inversamente correlata alla sopravvivenza dei pazienti.

Per la prima volta”, sottolineano i ricercatori, “abbiamo anche mostrato che i livelli di espressione dei recettori della vitamina B3 sono quasi del tutto assenti nei tessuti bioptici di melanoma umano confrontati con quelli di lesioni non maligne, utilizzando dati presenti su database online relativi a più di 1000 soggetti”.

La Nam, inoltre è stato ricordato, è già usata in clinica per la prevenzione dei danni da raggi ultravioletti e nella prevenzione dei tumori cutanei non-melanoma.

Articoli correlati

Cancro, 2 pazienti su 3 cercano sul web cure alternative

Redazione

Malattie oncologiche. Brusaferro (Iss): “Nuovo studio sui tumori, ora si può battere la malattia”. Ricerca europea: i dati di guarigioni su 32 tipi di tumore

Maurizio Piccinino

Sanità. Nasce la “Carta dei diritti” dei pazienti con tumori gastrointestinali. Patto tra istituzioni, ospedali pazienti e associazioni

Angelica Bianco

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni