domenica, 26 Settembre, 2021
Economia

Re David (Fiom-Cgil): il settore aereo spaziale rilancerà il Mezzogiorno. Il Governo discuta le scelte con il sindacato

“Il settore dell’aereo spazio nel Mezzogiorno è il settore più rilevante a livello industriale, occupazionale ed economico dopo quello dell’auto”. A dirlo con orgoglio non sono gli industriali ma il sindacato, la Fiom Cgil che rilancia le sue proposte di sviluppo ricordando in numeri del settore.

“Gli occupati nelle segmento delle aerostrutture sono circa 8 mila e 15 mila nell’indotto, a questi vanno aggiunti almeno altri 5 mila lavoratori di altre divisioni”, ricordano Francesca Re David, segretaria generale Fiom-Cgil e Rosario Rappa, segretario generale Fiom-Cgil Napoli, “Pur essendo uno dei settori a più alta redditività economica, è anche quello che sta maggiormente risentendo della crisi legata al Covid-19”.
Per la Fiom-Cgil occorre tenere tutto il settore insieme, servono strumenti sinergici di salvaguardia, di sviluppo e investimenti che consentano dopo questa crisi, di ripartire dal lavoro e dalle persone, mantenendo i livelli occupazionali e industriali e garantendo le prospettive per tutto il Mezzogiorno.

La Fiom-Cgil inoltre ha scelto Napoli per fare il punto della situazione del settore e far emergere le criticità presenti. Nel contempo il sindacato sollecita il governo ad aprire un confronto per dare prospettive al settore dell’aerospazio civile nel Mezzogiorno, “dove sono presenti i più grandi e più tecnologicamente avanzati stabilimenti di costruzione di aerei, di cui la maggior parte a controllo diretto pubblico”, sottolinea la federazione.

Per la Fiom-Cgil non è pensabile che in un settore strategico come quello dell’aerospazio, le scelte siano lasciate in mano ai privati e alle multinazionali senza un confronto con le parti sociali alla presenza del Governo. “Occorre garantire la presenza dello Stato quale soggetto che vincoli queste scelte nell’interesse del Paese per la ripartenza e la ripresa del settore”, sottolineano infine Francesca Re David, segretaria generale Fiom-Cgil e Rosario Rappa, segretario generale Fiom-Cgil Nap, “Senza interventi mirati, a pagarne maggiormente le conseguenze sarà il Sud. Indebolire il settore dell’aerospazio nel Mezzogiorno significa indebolire il sistema industriale dell’intero Paese.

E’ necessaria una strategia complessiva, che a partire da Leonardo, tenga insieme i settori della difesa e del civile, serve un impegno straordinario, attraverso un confronto preventivo con il sindacato, per un forte rilancio occupazionale e produttivo degli stabilimenti”.

Sponsor

Articoli correlati

Economia, il gelo d’Autunno

Maurizio Piccinino

Recovery per il Sud? Centomila posti di lavoro

Michele Rutigliano

Turismo al Sud: piccoli borghi e grandi aree urbane

Michele Rutigliano

Lascia un commento