venerdì, 21 Gennaio, 2022
Politica

I semi della discordia

TAV-FlatTax-Autonomia, sono i temi su cui Salvini farà cadere questo Governo del contratto. Abbiamo l’impressione che sia proprio finita e che da qualche parte si stia già preparando un Conte bis.

Un Conte bis politico però non potrà essere utile a nessuno dei partiti attualmente in parlamento: la Lega di Salvini non starebbe più al governo, il M5S si dovrebbe alleare con un PD in continuo movimento e entrambi avrebbe un calo di consensi, Fratelli d’Italia e Forza Italia non andrebbero neppure loro al governo … insomma non ce sarebbe per nessuno, come abbiamo scritto. A meno che l’Avvocato del popolo, con una mossa da curriculum, non tenti, lui, a fare un governo di “Coalizione” alla De Gasperi, e spiazzi un tutti. 

Un Governo di coalizione basato oltre che sulle “cose da fare”, sulla condivisione di alcuni “fondamentali” della democrazia e che porti l’Italia a varare, in autunno, una legge di bilancio credibile e di ripresa potrebbe raccogliere diversi consensi, anche da parte di nuovi raggruppamenti di centristi in costruzione; in effetti servono tutte le intelligenze attualmente in campo e, poiché nessuno vuole veramente andare ad imbarcarsi in una nuova campagna elettorale,  potrebbe anche essere che la proposta Contiana possa essere condivisa e il “Conte” diventerebbe, questa volta sì, Premier ufficiale.

Salvini non può più sentirsi dire NI su tutto; da una parte le sue proposte non vengono bocciate e dall’altra vengono ritardate o emendate. La faccia non ce la può più mettere.  Di Maio, dal canto suo, non può dire tutti i SI’ incondizionatamente a Salvini perché accetterebbe tacitamente di non essere più lui il Timoniere del cambiamento.

Ai cittadini servirebbe un Conte bis serio e propositivo. Giuseppe ci sembra uomo che all’estero abbia saputo conquistare simpatia e fiducia e che se non fosse per i due Vicepremier avrebbe fatto qualche cosa di più. 

Non abbiamo più tanto tempo. Conte deve agire presto, anzi, subito e potrebbe essere lui a mandare a casa tutti. E siccome non ha nulla da perdere chissà non lo faccia. 

Sponsor

Articoli correlati

Anziani, dai creatori del boom nazionale alla solitudine dei luoghi d’assistenza

Giampiero Catone

Imprese a rischio di default, dal 1 gennaio 2021 con le nuove norme Ue si può essere segnalati per un debito di 100 euro e far scattare il marchio di cattivo pagatore. Bisogna fermare questo nuovo incubo fiscale. Noi proponiamo una tregua fiscale e in casi di poca entità un azzeramento del debito per ridare fiducia e speranza a migliaia di imprese e lavoratori onesti che hanno speso una vita per le loro attività e per il Paese

Giampiero Catone

L’Afghanistan: I Talebani sono davvero cambiati dal 2001 ad oggi?

Giampiero Catone

Lascia un commento