martedì, 4 Agosto, 2020
Società

Scuola: Anief “ricorso a Mattarella contro concorso straordinario”

Sponsor

Nella serata del 10 luglio sono state pubblicate in Gazzetta Ufficiale le modifiche al decreto dipartimentale del 23 aprile 2020, n. 510 che regolano la procedura straordinaria, per titoli ed esami, per l’immissione in ruolo di personale docente della scuola secondaria di primo e secondo grado su posto comune e di sostegno. I candidati possono presentare istanza di partecipazione al concorso a partire dalle ore 9,00 dell’11 luglio, fino alle ore 23,59 del 10 agosto prossimo. Contro quella che definisce “l’esclusione immotivata di diverse categorie di docenti” al bando del concorso straordinario per la scuola secondaria di primo e secondo grado, il sindacato Anief attiva apposite consulenze e ricorre al Presidente della Repubblica con una modalità straordinaria da presentare entro il 10 agosto. “Non comprendiamo il motivo di innalzare certi paletti, che lasciano fuori dalle procedure concorsuali chi a nostro avviso ha invece diritto a parteciparvi”, dichiara Marcello Pacifico, presidente Anief.

“Certe preclusioni immotivate – continua Pacifico – sono alla base di quella supplentite cronica che caratterizza l’insegnamento in Italia, con oramai un insegnante precario ogni tre in organico che quest’anno porterà all’assegnazione di almeno 250 mila contratti a tempo determinato. Purtroppo, finché al ministero dell’Istruzione continueranno a considerare il precario un individuo da respingere e non un professionista della formazione da valorizzare, non ne usciremo mai”. Sono diverse e importanti le integrazioni apportate al Dd n. 510 del 23 aprile già pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 28 aprile scorso, tenuto anche conto dei rilievi mossi dal Cspi: è elevato a 32.000 il numero dei posti destinati alla procedura concorsuale straordinaria. I 32.000 saranno utili per le immissioni in ruolo previste per gli anni scolastici 2020/2021, 2021/2022, 2022/2023 o successivi, qualora necessario per esaurire il contingente previsto; qualora le condizioni generali epidemiologiche lo suggeriscano, lo svolgimento della prova scritta potrà avvenire in una regione diversa rispetto a quella corrispondente al posto per il quale il candidato ha presentato la propria domanda.

Ai vincitori della procedura concorsuale straordinaria immessi in ruolo nell’anno scolastico 2021/2022 che rientrano nella quota dei posti destinati alla procedura per l’anno scolastico 2020/2021 è riconosciuta la decorrenza giuridica del rapporto di lavoro dal 1° settembre 2020. (Italpress)

Articoli correlati

Non è la stessa cosa. Attenti alle lezioni a distanza

Carlo Pacella

Pieni poteri

Franco De Simoni

Scuola: Educazione ambientale a distanza, accordo Regione-Anci Lazio

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni