giovedì, 25 Febbraio, 2021
Società

Droga, Salvini: “Tolleranza zero”

Sponsor

Sequestri record di droghe nel 2018, i più consistenti dal 1985, con stime e trend dell’andamento del fenomeno, fotografati nella “Relazione Annuale, pubblicata sul sito della Direzione centrale per i Servizi Antidroga della polizia di Stato”.

Cresce il consumo di droghe sintetiche: due i morti (uno nel 2017) causati dai famigerati omologhi di sintesi del Fentanil. Dei denunciati per reati di droga, il 40% è costituito da stranieri, in maggioranza di nazionalità marocchina, nigeriana, albanese.

Sono diminuiti invece i minorenni spacciatori. In aumento le morti per overdose, 334 nel 2018, con un incremento del 12,84% rispetto all’anno precedente. Dal 1973, anno di inizio delle rilevazioni in Italia, sono complessivamente 25.405 i morti causati dal consumo di stupefacenti.

Particolare attenzione è stata dedicata alle operazioni contro la cosiddetta canapa “light”. I controlli effettuati dalle Forze di Polizia in circa 120 punti vendita hanno portato al sequestro complessivo di circa 605 kg di infiorescenze e alla denuncia di 111 persone.

“Nessuna tolleranza per la droga e per i venditori di morte – afferma il ministro dell’Interno Matteo Salvini – Grazie a Forze dell’Ordine e inquirenti che tengono sempre alta la guardia. Da parte nostra, siamo orgogliosi di aver avviato alcune iniziative come Scuole sicure per moltiplicare i controlli e la caccia ai pusher.

Senza dimenticare le iniziative dei prefetti sulle grandi piazze di spaccio e il dialogo con i sindaci per allontanare balordi e criminali dalle città. Faremo sempre di più e meglio”. (Italpress)

Sponsor

Articoli correlati

Salvini a processo e Berlusconi sta con un piede in due staffe. Ecco come

Redazione

La democrazia plebiscitaria

Giuseppe Mazzei

#ItaliaaSalvini: lo sfogo di Zingaretti diventa hashtag e spopola via social

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni