domenica, 12 Luglio, 2020
Cultura

Coldiretti: 3 mila fattorie didattiche pronte ad ospitare ragazzi e genitori. La Confederazione: prioritaria l’educazione ambientale

Sponsor

Lo spettacolo della natura nei grandi spazi all’aria aperta. È quanto promettono le tremila fattorie didattiche presenti nelle campagne italiane che possono accogliere durante l’estate i bambini in sicurezza con attività ricreative ed educative a contatto con la natura. A ribadirlo è la Coldiretti in occasione della fine della scuola e della riapertura dei centri estivi fissata per il 15 giugno. “Una realtà importante”, sottolinea la Coldiretti, “per integrare l’offerta di servizi educativi per l’infanzia in Italia monitorata dall’Istat in un momento difficile per Paese.

Le fattorie didattiche sono aziende agricole autorizzate a fare formazione sul campo per le nuove generazioni puntando”, precisa la Coldiretti, “sull’educazione ambientale attraverso la conoscenza della campagna con i suoi ritmi, l’alternanza delle stagioni e la possibilità di produrre in modo sostenibile”. Per la Confederazione saranno garantite tutte le misure di sicurezza di distanziamento e di controllo, ma anche di divertimento e di didattica.

“Si tratta dunque”, sostiene la Coldiretti, “del luogo ideale in cui accogliere piccoli gruppi tenendo conto delle norme di sicurezza, distanza e igiene previste per la Fase 2.

Una offerta che attraverso il progetto Educazione alla Campagna Amica di Donne Impresa Coldiretti ha coinvolto negli ultimi venti anni circa 10 milioni di bambini di cui il 70% nella fascia d’età compresa fra i 4 e gli 11 anni, dalla scuola materna alla primaria e il 30% studenti più grandi medie e superiori. Le fattorie didattiche possono svolgere un ruolo fondamentale”, evidenzia la Coldiretti, “nel sostenere le famiglie e i genitori, in particolare le madri, che rientreranno al lavoro in concomitanza con la fine delle lezioni scolastiche e al fine di offrire servizi educativi con particolare attenzione al benessere psico-fisico dei bambini e dei ragazzi”.

La Coldiretti nel dichiararsi pronta a mettere a disposizione la sua esperienza ricorda anche come i casi di infortunio da Covid nel settore agricolo abbia fatto registrare un numero bassissimo di persone contagiate e malate a dimostrazione che il rapporto con la natura può essere salutare.
“Per questo la Coldiretti mette a disposizione, delle autorità sanitarie, politiche e amministrative competenti, la sua rete di Fattorie Didattiche, la propria esperienza, le proprie competenze in ambito educativo e didattico e i propri spazi e aule all’aperto per offrire sostegno ai genitori e ai bambini.

Non è un caso che”, fa presente la Coldiretti, “delle 43.399 denunce di infortunio da Covid-19 al lavoro registrate dall’Inail appena lo 0,06% riguarda l’agricoltura dove peraltro non si è mai smesso di lavorare per garantire le forniture alimentari alla popolazione”, infine i dati sono quelli dell’analisi della Coldiretti sulla base delle denunce complessive di infortunio tra fine febbraio e il 15 maggio 2020.

Articoli correlati

Caporalato: arriva progetto per diritti e lavoro migranti

Redazione

Coldiretti: “via libera a cannabis a tavola, campi decuplicati”

Redazione

Coldiretti, dai rifiuti aiuto all’agricoltura

Maurizio Piccinino

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni