sabato, 31 Ottobre, 2020
Lavoro

Catalfo: “Allo studio riforma organica ammortizzatori sociali”

Sponsor

“È già allo studio una riforma organica della disciplina degli ammortizzatori sociali volta a rendere l’istituto meno farraginoso e più idoneo a rispondere tempestivamente alle esigenze di tutela di imprese e lavoratori”.

Lo ha detto il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, nel corso del Question Time al Senato, rispondendo a un’interrogazione sulle modalità di erogazione della cassa integrazione in deroga.

“Consapevole delle gravi difficoltà – ha spiegato Catalfo – ho lavorato per migliorare il sistema semplificando le procedure tradizionalmente operate per l’erogazione dei trattamenti di integrazione salariale, compreso quello in deroga, al fine di renderli più snelli e veloci. Nel decreto Rilancio è stato eliminato il coinvolgimento delle Regioni nella fase di presentazione della domanda di integrazione salariale in deroga. Le modifiche richiedono tempi tecnici necessari per adeguare i sistemi informativi dell’Inps”.

Catalfo si è poi soffermata sullo stato di erogazione dei trattamenti di integrazione salariale: “Ad oggi sono stati pagati 6,9 milioni di lavoratori, il 92% del totale di coloro per i quali le aziende hanno inviato all’Inps i dati necessari per il pagamento. In particolare, per quanto concerne lo stato di pagamento della cassa in deroga, i beneficiari autorizzati dall’Inps sono oltre 1 milione 285 mila lavoratori, di questi sono stati forniti dalle aziende i dati relativi a 1 milione e 100, dei quali 911.247 risultano già pagati”. (Italpress)

Articoli correlati

Per Conflavoro necessario introdurre ammortizzatore unico

Redazione

Dl Cura Italia: Catalfo “Tutelati 19 milioni di lavoratori”

Redazione

Coronavirus, Duraccio (Consulenti Lavoro Napoli): Ammortizzatori sociali uguali per tutti e task force di specialisti al governo

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni