mercoledì, 27 Maggio, 2020
Lavoro

Scuola: Anief “supplenze brevi andavano prolungate”

Sponsor

Con la Nota 10133 del 21 aprile 2020 le scuole “potranno continuare ad essere conferiti incarichi di supplenza breve e saltuaria esclusivamente secondo le modalità previste dalla normativa vigente, restando inibita la possibilità di stipulare contratti in caso di rientro del titolare”.

Il ministro dell’istruzione, Lucia Azzolina, aveva postato un messaggio su FB al riguardo: “Con il decreto #CuraItalia salvaguardiamo i contratti dei supplenti, sia docenti che Ata.

Nessuno perderà il posto. Tutte le componenti del personale sono importanti. Ringrazio ancora una volta la scuola che sta provando a dare il massimo in un momento difficilissimo”.

“Non consentire la proroga dei contratti anche con il rientro del titolare è sbagliato – afferma Andrea Messina, segretario generale dell’Anief – e ha come unica conseguenza un disagio economico per i docenti che fino a oggi hanno svolto un lavoro prezioso di didattica”.

Concludendo, il presidente del sindacato Marcello Pacifico ha ribadito che “con il Decreto ‘Cura Italia’ il Governo attuava delle misure a sostegno dei lavoratori e, in generale, del mondo del lavoro che si concretizzavano in una serie di strumenti, quali la proroga dei contratti; adesso non si capisce perché non permette di continuare in questa direzione, anche fino alla fine dell’emergenza sanitaria”.

Articoli correlati

La storia non insegnata e la memoria inesistente

Giuseppe Mazzei

Anief: “Supplenze, dal prossimo anno si cambia dopo 30 anni”

Redazione

Anief: “Basta attaccare docenti per coprire mancanze stato”

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni