giovedì, 30 Maggio, 2024
Cultura

In Bosnia sta andando in onda la serie seguitissima sull’Italia

Un programma alla terza edizione che promuove il nostro patrimonio culturale

E’ in onda sulla televisione nazionale della Bosnia Erzegovina (BHT1) la nuova stagione del programma “In giro per l’Italia”, che ormai da anni accompagna il pubblico bosniaco-erzegovese in un suggestivo viaggio dentro “lo Stivale” per scoprirne le bellezze paesaggistiche, artistico-culturali ed enogastronomiche. Il progetto è nato da un’idea del Comitato di Sarajevo della Società Dante Alighieri, sviluppata in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia, con gli organi centrali della stessa Dante Alighieri e con la televisione nazionale della Bosnia Erzegovina.

Sei regioni italiane

Questo terzo e conclusivo ciclo di sei puntate – che stanno andando in onda a cadenza settimanale – dedicato ad altrettante regioni italiane: Liguria, Valle D’Aosta, Lombardia, Emilia-Romagna, Abruzzo e Molise. Il lancio della nuova edizione del fortunatissimo programma è avvenuto nel corso di una trasmissione in diretta sulla stessa BHT1, alla quale ha preso parte l’ambasciatore Marco Di Ruzza. “L’apprezzamento riscosso dal progetto – ha detto Di Ruzza – è l’ennesima conferma di quanto acceso sia l’amore per l’Italia da parte degli amici bosniaco-erzegovesi. Anche l’attenzione suscitata dai recenti eventi organizzati dall’Ambasciata a celebrazione della Giornata nazionale del Made in Italy va esattamente nella medesima direzione. Ciò spiega l’impegno che riserviamo alla diplomazia culturale, anche quale contributo italiano ai percorsi di riconciliazione nel Paese, come dimostra la nostra azione di rilancio del progetto del Museo di arte contemporanea Ars Aevi, simbolo di una Bosnia Erzegovina multietnica, poliedrica e proiettata verso un futuro europeo”.

Società Dante Alighieri

Il presidente del Comitato di Sarajevo della Società Dante Alighieri, Adnan Mehmedovic, ha sottolineato come i risultati raggiunti con il progetto siano il frutto dell’impegno di un gruppo di volontari italiani e bosniaco-erzegovesi, che con dedizione ed entusiasmo hanno confezionato un prodotto di eccellente qualità. Tra questi, Annarita Lippiello, Eduardo Ucciero, Maria Fornari-Cukovic, Stefano Adamo, Giuseppe Carracchia e Maria Tolmino Ciriello. E’ altresì intervenuto il Direttore dei Comitati esteri della Società Dante Alighieri, Eugenio Vender, spiegando che “la SDA è una rete cosmopolita di cittadini del mondo presente in 80 Paesi con oltre 400 sedi. Attraverso la realizzazione di corsi di lingua italiana e la promozione di manifestazioni culturali – ha soggiunto – la SDA contribuisce a diffondere quei sentimenti di tolleranza, condivisione, e concordia tra i popoli alla base di ogni forma di convivenza umana”. Alla presentazione della nuova serie de “In giro per l’Italia” ha caratterizzato anche un evento svoltosi presso l’Europa House, cui ha preso parte il Direttore di BHT Mario Vrankic e nel corso del quale si è proceduto alla premiazione dei vincitori di un concorso fotografico promosso dal Comitato locale della SDA in collaborazione con l’Ambasciata.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Turismo: Enit apre al pubblico l’archivio storico

Francesco Gentile

Inapp: aumentano i rischi di disoccupazione derivanti dalle emergenze

Lorenzo Romeo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.