q Boom enoturismo, 6 milioni di notti in vigna – La Discussione
martedì, 28 Maggio, 2024
Turismo

Boom enoturismo, 6 milioni di notti in vigna

Il turismo enogastronomico continua a conquistare sempre più viaggiatori italiani e stranieri, con oltre sei milioni di notti trascorse tra le vigne italiane nel corso del 2023. Uno straordinario dato che è emerso da un’analisi condotta da Coldiretti su dati di Terranostra Campagna Amica e Airbnb, diffusa in occasione dell’apertura del Vinitaly, il rinomato evento dedicato al mondo del vino. L’identikit degli enoturisti è delineato da un’indagine condotta da Coldiretti/Ixé, che evidenzia come ben 15 milioni di italiani abbiano già vissuto esperienze di turismo in cantina. Ancora più significativo è il fatto che 8 cittadini su 10 si dichiarano intenzionati a partecipare a questo tipo di esperienze, rappresentando un potenziale bacino di interesse fondamentale per la crescita del settore. Accanto alle tradizionali degustazioni e ai corsi di cucina, gli enoturisti sono sempre più attratti da attività innovative che vanno oltre il semplice assaggio di vino. Il 24% degli intervistati si dimostra interessato a pratiche sportive e salutistiche tra le vigne, mentre il 26% opta per la vinoterapia e altre attività di benessere legate alla vita e al vino. Un significativo 31% desidera invece godere di concerti e spettacoli organizzati in mezzo ai vigneti.

L’accordo

Per supportare questa crescente forma di turismo, è stato siglato il primo accordo tra Coldiretti, Terranostra e Airbnb per la promozione dei Distretti del Vino, che valorizzeranno esperienze di turismo autentico e sostenibile Made in Italy. Nello specifico l’accordo prevede la creazione di pagine web dedicate per ciascun Distretto del Vino sul sito di Airbnb, con mappe digitali che indicano le cantine da visitare e schede informative. Saranno inoltre promosse iniziative di formazione e valorizzazione dell’esperienza vinicola. Il Presidente della Coldiretti Ettore Prandini ha sottolineato il ruolo fondamentale del Made in Italy nel settore turistico, evidenziando come cibo e vino rappresentino la prima voce di spesa: “Un successo dietro al quale ci sono i primati green della nostra agricoltura, con i suoi record in fatto di qualità e di sostenibilità che ci hanno garantito la leadership in tutta Europa”, ha detto. Dominga Cotarella, Presidente di Terranostra, mette in luce l’abilità delle cantine e degli agriturismi italiani nel soddisfare le nuove esigenze dei turisti, grazie a un impegno costante per la qualificazione dell’offerta turistica. Cotarella rimarca l’importanza di sostenere questa crescita con politiche mirate per la valorizzazione dell’agriturismo e delle campagne italiane.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Su “DOVE” di febbraio speciale “100 hotel che valgono il viaggio”

Redazione

San Marino, Pedini Amati incontra le associazioni di categoria del turismo

Redazione

Cna: Carnevale record di turisti. Grande presenza di stranieri. Al top: Venezia, Viareggio, Ivrea, Fano e Putignano

Marco Santarelli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.