q Editoria: le imprese continuano a soffrire del caro costi – La Discussione
martedì, 28 Maggio, 2024
Editoriale

Editoria: le imprese continuano a soffrire del caro costi

Secondo quanto emerge dai dati di un’indagine di Ali, l’Associazione Librai Italiani aderente a Confcommercio, le imprese continuano a soffrire dell’aumento dei costi che sono costretti a pagare ai propri fornitori e la situazione non è destinata a migliorare nel prossimo futuro. La percentuale di imprese che ha chiesto un fido o un finanziamento nel corso degli ultimi mesi è stata del 19,2%. Il 61% delle librerie che hanno chiesto credito hanno visto accogliere interamente la propria domanda di credito. Il 69% di librerie hanno fatto domanda di credito in prevalenza per esigenze di liquidità e cassa, il 18,7% per investimenti e il 12,3% per la ristrutturazione del credito. Ad acquistare nelle librerie indipendenti sono soprattutto clienti abituali per il 73%, mentre per il 27% sono vendite a clienti occasionali. Il 78,4% delle librerie ha organizzato/promosso o partecipato ad una qualche attività di tipo letterario. Il 72% delle librerie ha organizzato attività gratuite, mentre il 28% invece dichiara di aver partecipato ad attività totalmente o in parte a pagamento.

Librerie antidoto alla desertificazione

Tra le librerie che hanno organizzato, promosso o hanno partecipato ad attività, il 57,4% dichiara di aver affrontato costi per la promozione e la pubblicizzazione dell’evento. Tra le librerie che hanno organizzato, promosso o partecipato a delle attività, il 45,4% ha effettuato un qualche genere di investimento per farlo, mentre circa il 55% non ne ha avuto bisogno. Gli investimenti effettuati più di frequente sono stati: l’implementazione dei canali social e del sito web (33,6%), l’acquisto di nuovi dispositivi come microfoni e schermi (17,3%) e gli adeguamenti dei locali (11,2%). Per Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, “le librerie sono un antidoto alla desertificazione perché sono attività di qualità. Perché sono un luogo dell’anima, certamente, che appartiene ai ricordi e alle scelte delle persone. E in qualche modo ha la possibilità di incidere anche sulla formazione delle persone. Ma non solo: la libreria è anche un luogo urbano che appartiene alla vita quotidiana, alla vivibilità di una città, alla sua immagine”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Pisa e Lucca investono nell’innovazione urbana, presentati i nuovi progetti

Leonzia Gaina

Pil: il Sud va meglio di Francia e Germania. 270 miliardi dallo Stato

Paolo Fruncillo

Siccità e alluvioni danneggiano i raccolti. Prandini (Coldiretti): “Puntiamo su agricoltura 4.0”

Maria Parente

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.