venerdì, 19 Luglio, 2024
Economia

Il prezzo dei cereali in diminuzione. Forte concorrenza tra Russia, Ue e Usa

La Fao monitora i mercati alimentari: in aumento prezzi di oli, latte e carne

L’aumento delle quotazioni internazionali per gli oli vegetali, i prodotti lattiero-caseari e la carne ha spinto l’indice di riferimento per i prezzi mondiali delle materie prime alimentari in aumento dell’1,1% a marzo, il suo primo aumento in sette mesi. La Fao, che tiene traccia delle variazioni mensili dei prezzi internazionali di una serie di prodotti alimentari negoziati a livello globale, ha registrato una media di 118,3 punti a marzo, in calo del 7,7% rispetto al suo corrispondente valore un anno fa.

Alimenti più cari

L’Indice dei prezzi dell’olio vegetale della Fao ha guidato l’aumento a marzo, aumentando dell’8,% da febbraio e raggiungendo un massimo di un anno in quanto le quotazioni per gli oli di palma, soia, girasole e colza sono tutti aumentati. I prezzi internazionali dell’olio di palma sono aumentati a causa delle produzioni stagionalmente più basse nei principali paesi produttori e della domanda interna nel sud-est asiatico, mentre quelli per l’olio di soia si sono ripresi dai minimi dell’anno, grazie alla robusta domanda del settore dei biocarburanti, in particolare in Brasile e negli Stati Uniti d’America. L’Indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari è aumentato per il sesto mese consecutivo, in crescita del 2,9% rispetto a febbraio, guidato dall’aumento dei prezzi mondiali del formaggio e del burro. Anche l’Indice dei prezzi della carne è aumentato dell’1,7% rispetto al mese precedente, soprattutto per l’aumento per pollame, suini e carni bovine.

La concorrenza sui cereali

Al contrario, l’indice dei prezzi dei cereali della Fao è diminuito del 2,6% con una media del 20% al di sotto del valore del 2023 marzo. Il calo è stato guidato dalla diminuzione dei prezzi globali delle esportazioni di grano, che sono diminuiti a causa della forte concorrenza di esportazione in corso – sottolineata dagli acquisti annullati dalla Cina – tra l’Unione europea, la Federazione russa e gli Stati Uniti d’America. I prezzi delle esportazioni di mais sono saliti al rialzo a marzo, in parte a causa delle difficoltà logistiche in Ucraina, mentre l’indice dei prezzi del riso della Fao è diminuito dell’1,7% in mezzo alla domanda globale di importazioni. L’utilizzo globale di cereali nel 2023/24 è ancorato a 2.828 milioni di tonnellate, con un aumento dell’1,3% rispetto al livello 2022/23. Si prevede che le scorte mondiali di cereali termineranno la stagione 2024 a 894 milioni di tonnellate, con un aumento del 2,3% dall’inizio dell’anno, indicando un rapporto tra le scorte cerealicole mondiali dell’03,0%. Si prevede che il commercio mondiale di cereali aumenterà dell’1,7% rispetto all’anno precedente a 485 milioni di tonnellate nel 2023/24. Il commercio internazionale di cereali secondari dovrebbe espandersi dal 2022/23, mentre il commercio di grano e riso probabilmente si contrarrà.

Il grano riprende in Argentina

La Fao ha inoltre adeguato le sue previsioni per la produzione globale di grano nel 2024, ora pari a 796 milioni di tonnellate, segnando un aumento dell’1,0% rispetto al 2023. Per le colture di grano grossolano, la semina inizierà presto nell’emisfero settentrionale, mentre i raccolti sono già iniziati a sud dell’equatore. Infine la produzione argentina dovrebbe riprendersi dopo il risultato di un impatto sulla siccità del 2023, sono attese produzioni più piccole in Brasile e in tutta l’Africa meridionale.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Delude la Cop27. Rinviato il taglio di emissioni

Cristina Calzecchi Onesti

Oltre 4 milioni di euro per il Piano Caivano. Attivati bandi e consulenze

Ettore Di Bartolomeo

Giugno un ‘mese chiave’ per l’Europa. Non solo elezioni

Paolo Fruncillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.