mercoledì, 29 Maggio, 2024
Esteri

Attacchi aerei e navali di Stati Uniti e Gran Bretagna contro obiettivi dei ribelli Houthi nello Yemen

Nella giornata di giovedì, gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno lanciato attacchi militari contro i ribelli Houthi nello Yemen, in risposta ai crescenti attacchi del gruppo sostenuto dall’Iran nel Mar Rosso. Gli attacchi, condotti da terra e da mare, potrebbero innescare un’espansione del conflitto in Medio Oriente, superando la guerra di Israele a Gaza. Un’escalation che l’amministrazione Biden e i suoi alleati cercano di evitare.
Gli Houthi hanno dichiarato che le loro azioni mirano a sostenere Hamas e hanno minacciato ritorsioni per gli scontri che hanno provocato la morte di almeno cinque combattenti in siti controllati dai ribelli.
Gli attacchi degli Stati Uniti e del Regno Unito hanno coinvolto aerei da combattimento e missili Tomahawk lanciati dalle navi della Marina. L’US Air Forces Central ha dichiarato che sono stati colpiti oltre 60 obiettivi in 16 località, utilizzando più di 100 munizioni a guida di precisione di vario tipo.

L’obiettivo

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato che la missione è stata sostenuta da Australia, Bahrein, Canada e Paesi Bassi. Ha dichiarato che l’obiettivo era colpire aree utilizzate dai ribelli Houthi per minacciare la libertà di navigazione in una delle vie navigabili più cruciali del mondo.
L’US Air Forces Central ha indicato che gli attacchi erano mirati a “nodi di comando e controllo, depositi di munizioni, sistemi di lancio, impianti di produzione e sistemi radar di difesa aerea”. Il presidente Biden ha sottolineato che questa azione difensiva è stata intrapresa in risposta ai crescenti attacchi dei ribelli Houthi contro le navi commerciali, rappresentando un chiaro messaggio che gli Stati Uniti e i loro partner non tollereranno attacchi al personale né permetteranno ad attori ostili di minacciare la libertà di navigazione in una delle rotte commerciali più critiche del mondo.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Delegazione Usa a Taiwan. Sale la tensione tra Stati Uniti e Cina

Cristina Gambini

Banca mondiale. Rallenta la crescita dell’economia globale

Emanuela Antonacci

Leader democratico alla Camera Usa, Hakeem Jeffries: “I repubblicani alla Camera sono nel mezzo di una “guerra civile”

Marco Santarelli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.