lunedì, 6 Dicembre, 2021
Società

Coronavirus: in crescita vendite alimentari, sistema regge contraccolpo

Il sistema della grande distribuzione, anche dopo l’inasprimento delle misure per il contenimento dell’epidemia da coronavirus e l’assalto ai punti vendita, sta reggendo. Una situazione che rimarrà sotto controllo però soltanto se i cittadini useranno il buonsenso attenendosi alle indicazioni delle autorità. Ne è sicuro Stefano Crippa, direttore dell’Area comunicazione e ricerca di Federdistribuzione, l’organizzazione che raggruppa le società della grande distribuzione.

“Il sistema sta funzionando, dal punto vendita a tutto l’ambito della logistica. In questo momento l’intero sistema della grande distribuzione sta funzionando, così la circolazione dei mezzi” dice all’Italpress, confermando che i nuovi provvedimenti del governo, che hanno esteso restrizioni all’intero territorio nazionale, hanno portato a un incremento delle vendite, testimoniato dalle lunghe code (anche di notte) di acquirenti in fila con i carrelli.

“Registriamo – afferma Crippa – vendite superiori alla media.

Bisogna sottolineare che nei punti vendita gli ingressi vengono regolamentati e questo fa si che non ci siano assembramenti.

Importante in questa fase che vi sia il totale rispetto delle norme”. In un’ipotetica chiusura totale della Lombardia, come richiesto dalla Giunta Fontana, i supermercati resterebbero fuori dai provvedimenti più rigidi: “I negozi alimentari sarebbero esclusi come tutti i negozi in cui si vendono beni di prima necessità. Sarà ancora più importante che da parte dei gestori vi sia un atteggiamento rigoroso per la tutela della salute ma ci deve essere comunque un atteggiamento consapevole da parte dei consumatori che devono diluire la spesa”.

Improbabile, anche nella peggiore delle ipotesi, la paralisi del sistema produttivo alimentare.

“La situazione nel Paese – conclude Crippa – rimane comunque sotto controllo, è fondamentale però mettere insieme l’atteggiamento responsabile delle aziende e dei consumatori, solo in questo modo il quadro rimarrebbe sotto controllo”. (Italpress)

Sponsor

Articoli correlati

Pasti in emergenza, accordo Protezione Civile-Nas

Redazione

Fame nel mondo coalizione mondiale e modelli alimentari sostenibili

Rosaria Vincelli

Conoscenza nutrizionale funzionale a scelta alimentare corretta

Paolo Fruncillo

Lascia un commento