giovedì, 30 Maggio, 2024
Attualità

Cna professioni: necessario un tavolo di confronto su equo compenso

Mentre è atteso il provvedimento del dicastero delle Imprese e del Made in Italy che dovrà stabilire i parametri per l’equo compenso, il presidente Cna Professioni, Fabio Massimo ha ribadito la necessità di istituire un tavolo di confronto permanente su questo tema presso il ministero con le associazioni aggregative di professionisti maggiormente rappresentative.

L’incontro con il Mimit

Nelle scorse ore Cna Professioni, insieme con le altre associazioni di rappresentanza di secondo livello iscritte nell’elenco del Mimit, ha incontrato il sottosegretario Massimo Bitonci insieme al direttore generale della Divisione III – Servizi e professioni del Mimit – Vincenzo Maria Morelli, con l’obiettivo di individuare i criteri generali e metodologici per giungere a un provvedimento condiviso e rappresentativo di gran parte delle professioni non organizzate in ordini e collegi.

Il supporto di Cna

“Su questo tema abbiamo sempre ritenuto fondamentale impostare il lavoro su un’ampia interlocuzione e confronto con le relative rappresentanze”, afferma il presidente Cna Professioni Fabio Massimo. “Ricordo che per equo compenso si intende la corresponsione di un compenso proporzionato alla quantità e alla qualità del lavoro svolto, al contenuto e alle caratteristiche della prestazione professionale. Tenendo conto della varietà delle professioni e delle attività è sicuramente un’impresa non facile. Siamo, quindi, a disposizione del ministero per offrire un supporto in questa complicata e delicata operazione”, ha aggiunto. “Riteniamo pertanto che possa costituire un utile strumento per arrivare fattivamente all’obiettivo, e per monitorare e aggiornare nel tempo i parametri di riferimento, un tavolo di confronto permanente presso il ministero”, ha spiegato Fabio Massimo.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Covid-19, De Lise (commercialisti): “Fase-2, errori macroscopici del governo”

Redazione

Cna, positiva la manovra del Governo contro il caro energia

Gianmarco Catone

Crescono i crediti deteriorati delle imprese

Emanuela Antonacci

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.