giovedì, 29 Febbraio, 2024
Attualità

Libri danneggiati dall’alluvione, gli “angeli del fango” i nuovi restauratori

Un nuovo metodo per recuperare migliaia di volumi in Emilia-Romagna

Gli angeli del fango non smettono mai di svolazzare, neppure dopo generazioni. Ora la Biblioteca nazionale di Firenze ha messo in piedi un progetto per il recupero delle migliaia e migliaia di libri danneggiati durante l’alluvione in Emilia-Romagna. Si tratta dei volumi antichi della Biblioteca del Seminario di Forlì, libri che risalgono al XVI secolo; incunaboli che dovranno essere restaurati perché il fango li ha impaccati completamente. La Biblioteca di Firenze, dall’alluvione del ‘66, è diventata l’istituzione massima per il recupero e il restauro del libro. Il laboratorio fiorentino ha vasche di risciacquo, congelatori per la messa in sicurezza e dispone anche dell’unico “liofilizzatore” in Italia; un particolare asciugatore che ha già riportato in vita migliaia di volumi. Una tecnica messa a punto proprio a seguito dell’alluvione del 1966 e che è stata utilizzata anche per il recupero di libri provenienti da Venezia, danneggiati dall’allora “Acqua Granda.”

La liofilizzazione

L’alluvione dell’Emilia-Romagna ha danneggiato volumi di notevole valore storico che rappresentano una parte importante del patrimonio librario e culturale italiano. La stima più recente parla di oltre 5mila volumi, ma pare sia ancora una porzione limitata del totale. È in corso una ricognizione più attendibile. Per il loro recupero e restauro sarà utilizzato il metodo “freeze-drying” o liofilizzazione. Metodo che consiste nel congelare il libro danneggiato e quindi rimuovere l’acqua mediante “sublimazione”. Il volume danneggiato viene congelato e quindi l’acqua penetrata, una volta diventata ghiaccio, viene trasformata dallo stato solido direttamente a quello gassoso. In questo modo tutta l’acqua che aveva impregnato il libro viene rimossa riducendo al minimo l’impatto sulla carta. Tecnica, questa, messa a punto proprio a Firenze e che, nel tempo, è stata esportata in tutto il mondo.

Tempi e costi del progetto

I tempi previsti per il restauro dei libri dipenderà dal loro reale numero e soprattutto dalle loro condizioni specifiche. Potrebbero essere necessari anche mesi e i costi, di conseguenza, dipenderanno dal personale necessario e dall’impiego delle attrezzature. Per l’intero progetto le decisioni operative saranno prese dalla Soprintendenza archivistica e bibliografica dell’Emilia-Romagna in collaborazione con la Biblioteca nazionale di Firenze. Le edizioni antiche, per ora, sono quantificate in 1.250 volumi, che si sommano ai 5.000 di cui sopra, e ai quali si aggiungeranno i libri non ancora recuperati. Serviranno ingenti stanziamenti pubblici, ma anche soccorsi di privati cittadini o aziende per affrontare i danni e riportare i libri nelle biblioteche originarie.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Cina e Stati Uniti, a novembre l’incontro. Le responsabilità di due potenze globali

Paolo Fruncillo

Fuoco negli occhi di donna

Tommaso Marvasi

Emilia Romagna, bus e treni gratis anche per studenti under 19

Giulia Catone

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.