martedì, 5 Marzo, 2024
Società

Migranti a Lampedusa, la Croce Rossa: “La fase critica è passata”

Lo scorso 30 agosto, soprattutto per via del mare mosso che ha bloccato le partenze, il numero di presenze all’hotspot di Lampedusa è sceso a circa mille migranti ospitati. Secondo il direttore Operazioni, emergenze e soccorsi della Croce Rossa italiana, Ignazio Schintu, è possibile che la fase più critica presso l’hotspot di Lampedusa sia passata, tuttavia, molti amministratori e sindaci, in diverse zone d’Italia hanno evidenziato importanti limiti del sistema di accoglienza.

Numeri decisamente più bassi

Il picco di presenze all’interno del centro d’accoglienza di Lampedusa è stato raggiunto pochi giorni fa con circa 4.300 ospiti, fra cui oltre 240 minori non accompagnati. Con l’ausilio di traghetti, navi e aerei, la Prefettura di Agrigento e la polizia hanno disposto numerosi spostamenti riuscendo a trasferire centinaia di persone ogni giorno. Ignazio Schintu in qualità di responsabile del centro d’accoglienza di Lampedusa, gestito dal mese di giugno dalla Croce Rossa, ha dichiarato: “Oggi quei numeri sono decisamente più bassi. Quello registrato nei giorni scorsi è stato un record nei numeri, ma già a luglio e prima a giugno avevamo affrontato situazioni di questo tipo. In tre mesi nell’hotspot sono passate oltre 49mila persone – evidenziando – oggi la struttura è pulita, chi entra all’hotspot riceve un kit di vestiario e igienico, può farsi una doccia, mangiare e riprendere il viaggio”.

Resta il problema dell’accoglienza

Attualmente, per via del mare mosso che ha bloccato le partenze e grazie ai regolari spostamenti effettuati da Prefettura e polizia, l’hotspot di Lampedusa è sceso sotto i mille migranti ospitati per la prima volta da tempo. Anche secondo la Croce Rossa è possibile che, con il mare agitato di questi giorni e con l’avvicinarsi dei mesi più freddi, le partenze diminuiscano. Nelle scorse settimane sono stati molti gli amministratori e i sindaci in diverse zone d’Italia che hanno denunciato i limiti del sistema di accoglienza. Dalla Sicilia il deputato regionale, Anthony Barbagallo, ha sottolineato: “Questo non significa che il problema dell’accoglienza sia risolto. Il Siracusano è in piena emergenza e il centro di accoglienza a Melilli, aperto appena sabato scorso, è già al massimo della sua capacità”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Tunisia: circa 400 migranti rimpatriati nei loro Paesi d’origine

Cristina Gambini

Mons. Salinga: “Superare la paralisi della paura”

Giacomo Palermo

La Croce Rossa torna a Leopoli, partiti 18 mezzi da Roma

Marco Santarelli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.