lunedì, 15 Aprile, 2024
Esteri

Giudici liberali della Corte Suprema criticano la maggioranza conservatrice per aver consentito l’esecuzione di James Barber in Alabama

I tre giudici liberali della Corte Suprema hanno preso di mira i loro colleghi conservatori per aver consentito l’esecuzione di venerdì scorso di un detenuto nel braccio della morte dell’Alabama. L’evento aveva sollevato polemiche sullo stato di fallimento del processo di iniezione letale. La corte, a maggioranza conservatrice di 6 a 3, ha rifiutato di bloccare l’esecuzione di James Barber, ucciso intorno alle due del mattino. “La decisione della Corte di nega la richiesta di sospensione di Barber consente all’Alabama di sopprimere nuovamente una vita umana”, ha scritto il giudice Sonia Sotomayor, dissenziente insieme ai suoi colleghi liberali, i giudici Elena Kagan e Ketanji Brown Jackson. Barber aveva sostenuto che l’esecuzione avrebbe violato il suo diritto di essere libero da punizioni crudeli e insolite ai sensi dell’ottavo emendamento della Costituzione. La richiesta era stata sollevata alla luce dei problemi dello stato con l’esecuzione di tre detenuti l’anno scorso. Due di quelle esecuzioni, quelle di Alan Miller e Kenneth Smith, alla fine furono annullate quando i funzionari della prigione non poterono accedere a una vena adeguata. Un altro detenuto, Joe James, è stato messo a morte dopo tre ore di ritardo. Lo Stato ha successivamente rivisto le sue procedure, il che è bastato a convincere la Corte Suprema e i tribunali di grado inferiore che l’esecuzione poteva andare avanti. Il breve ordine della Corte non ha spiegato il motivo per cui ha consentito l’esecuzione di Barber. “La decisione odierna è un altro preoccupante esempio della corte di ostacolare l’Ottavo emendamento spingendo avanti le esecuzioni senza informazioni complete”, ha dichiarato Sotomayor. Ha notato che il tribunale, in entrambi i casi Miller e Smith, aveva ribaltato i tribunali inferiori che avevano sospeso le esecuzioni. Se non lo avesse fatto “forse lo stato sarebbe stato costretto a produrre prove in scoperta che potessero spiegare cosa continuava ad andare storto ed evitare di infliggere dolore inutile a questi due uomini”, ha aggiunto. La maggioranza conservatrice della Corte Suprema generalmente consente che le esecuzioni vadano avanti, con i sostenitori della pena di morte che criticano i documenti dell’ultimo minuto che, secondo loro, mirano esclusivamente a ritardare il processo. Durante la discussione orale in un caso del 2015, il giudice conservatore Samuel Alito ha definito tali tattiche “una guerriglia contro la pena di morte”. Il Dipartimento penitenziario dell’Alabama ha affermato che l’esecuzione è stata eseguita mediante iniezione letale presso il William C. Holman Correctional Facility di Atmore. Il detenuto è stato dichiarato morto da un medico all’1:56 ora locale. James Barber, 64 anni, era nel braccio della morte da quasi 20 anni per la rapina e l’uccisione nel 2001 di Dorothy Epps , una proprietaria di 75 anni per la quale lavorava come tuttofare

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

La Corte Suprema nega il tentativo dell’ex consigliere di Trump, Peter Navarro, di evitare la prigione

Paolo Fruncillo

La Corte Suprema della Carolina del Sud conferma il divieto di aborto per dopo sei settimane di gravidanza

Paolo Fruncillo

Ue ammonisce Malta su lenta riforma giustizia e pressione dello Stato verso i media

Valerio Servillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.