giovedì, 22 Febbraio, 2024
Esteri

Allarme in Usa: batteri carnivori patogeni stanno colonizzando le alghe che invadono le spiagge

Batteri che causano malattie possono colonizzare zattere di alghe e inquinamento da plastica nell’oceano, sollevando preoccupazioni sui rischi per gli esseri umani se si lavano sulle spiagge. Per ora, gli esperti non ritengono necessario cancellare le vacanze al mare. Non ancora. Un recente studio, pubblicato sulla rivista Water Research , ha analizzato i genomi dei batteri Vibrio, di cui esistono più di 100 specie tra cui circa una dozzina che possono causare malattie umane, trovati su detriti marini di plastica e gigantesche fioriture di alghe chiamate sargassum nell’Oceano Atlantico settentrionale. Gli scienziati hanno scoperto che i batteri Vibrio trovati nell’oceano aperto condividono caratteristiche genetiche simili alle specie note per essere “patogene”, nel senso che possono causare malattie negli esseri umani. I risultati hanno alimentato i timori legati ai batteri carnivori che invadono le spiagge della Florida, dei Caraibi e altrove nel Golfo del Messico. Linda Amaral-Zettler, microbiologa marina presso il Royal Netherlands Institute for Sea Research e uno degli autori del recente studio, ha affermato che sebbene possano condividere alcuni ingredienti genetici, non tutti i batteri Vibrio sono patogeni. “Non credo che tutti dovrebbero scappare dal sargasso come se li uccidesse – ha dichiarato – Semplicemente non è così. Ma penso che dobbiamo pensare in modo responsabile ai potenziali rischi”. Le persone possono essere infettate dalle specie Vibrio mangiando crostacei crudi o poco cotti o attraverso ferite aperte. La specie più pericolosa, Vibrio vulnificus, provoca malattie carnivore, ma queste infezioni sono considerate rare. Uno studio separato, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, ha rilevato che le infezioni causate da Vibrio vulnificus lungo la costa orientale degli Stati Uniti potrebbero aumentare in modo significativo nei decenni a venire , poiché i cambiamenti climatici e le temperature più calde della superficie del mare consentono al batterio carnivoro di prosperare nelle acque più a nord che mai. Gli scienziati negli ultimi mesi hanno lanciato allarmi su una prolungata ondata di caldo oceanico, poiché le temperature della superficie del mare hanno raggiunto livelli record e potrebbero diventare più calde. Entrambi i documenti di ricerca evidenziano le intricate relazioni tra esseri umani, microbi ed ecosistemi marini e i potenziali rischi per la salute pubblica che possono aumentare con i cambiamenti nell’ambiente marino.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Riduzione della plastica, “bozza zero” già pronta

Valerio Servillo

Nasce un nuovo servizio di prevenzione dei conflitti ambientali

Ettore Di Bartolomeo

Un mondo di plastica

Luca Sabia

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.