lunedì, 15 Aprile, 2024
Esteri

Prove crescenti collegano l’uso di marijuana ai rischi per la salute mentale nei giovani

Il dottor Ryan Sultan, medico psichiatra di New York, ha reso noto un risultato sorprendente scaturito dalle diagnosi di un gran numero di giovani pazienti con nuovi disturbi psicotici. “Di tutte le persone a cui ho diagnosticato un disturbo psicotico – ha dichiarato – tutte erano positive anche alla cannabis”. Sultan, un assistente professore di psichiatria clinica presso il Columbia Irving Medical Center, è uno dei tanti esperti che sollevano serie preoccupazioni sull’aumento dell’uso di marijuana da parte di adolescenti e giovani adulti. Stanno, inoltre, crescendo le prove che associano la marijuana con disturbi psichiatrici come la depressione, il disturbo bipolare e la schizofrenia, specialmente nei giovani maschi. Questa nuova ricerca, che coinvolge milioni di persone in tutto il mondo nel corso di decenni, si aggiunge alle preoccupazioni secondo cui l’uso massiccio di cannabis ad alta potenza e la legalizzazione dell’erba ricreativa in molti stati degli Stati Uniti potrebbero esacerbare la crisi della salute mentale.  “C’è un grande senso di urgenza non solo perché sempre più persone fumano marijuana – ha affermato la dottoressa Nora Volkow, direttrice del National Institute on Drug Abuse (NIDA) –  ma perché sempre più persone la usano in modi dannosi, con concentrazioni sempre più alte di THC”. Uno degli studi, condotto da ricercatori in Danimarca in collaborazione con il National Institutes of Health degli Stati Uniti, ha trovato prove di associazione tra il disturbo da uso di cannabis e la schizofrenia. La scoperta è stata più sorprendente nei giovani di età compresa tra 21 e 30 anni, ma è stata osservata anche nelle donne della stessa età.  Il documento, pubblicato sulla rivista Psychological Medicine, ha esaminato i dati di quasi 7 milioni di uomini e donne in Danimarca nel corso di alcuni decenni per cercare un legame tra schizofrenia e disturbo da uso di cannabis .  L’entità della connessione tra cannabis e schizofrenia per i giovani ha sorpreso l’autore dello studio Volkow, che si aspettava che il numero fosse più vicino al 10%. Attualmente ci sono 22 stati che consentono l’uso ricreativo della marijuana, con il Minnesota che probabilmente diventerà il prossimo stato a legalizzarla. Non è chiaro se le leggi sulla cannabis ricreativa contribuiscano al consumo da parte dei minorenni, ma Volkow ha fatto della questione del suo consumo tra gli adolescenti una delle massime priorità del NIDA. L’uso quotidiano di marijuana tra i giovani adulti è salito a livelli record, con più di 1 giovane adulto su 10 di età compresa tra 19 e 30 anni che la usa quotidianamente. Un altro studio, condotto dai ricercatori Sultan e Columbia, ha rilevato che gli adolescenti che usano la cannabis solo a scopo ricreativo hanno da due a quattro volte più probabilità di sviluppare disturbi psichiatrici, tra cui depressione e tendenze suicide, rispetto agli adolescenti che non ne fanno uso.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Sace rafforza l’offerta formativa per le imprese e i giovani talenti

Anna Garofalo

Riafferriamo i nostri figli con lo sguardo della verità

Salvatore Sardisco

DoveVivo Lab, giovani vogliono tornare in ufficio

Giulia Catone

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.