giovedì, 29 Febbraio, 2024
Cultura

Il suicidio del regime secondo Mario Ragionieri

Mario Ragionieri con il suo ultimo saggio storico intitolato “Il suicidio di un regime – 25 luglio 1943” pone l’attenzione sui fatti accaduti tra la notte del 24 e 25 luglio del ’43, durante la quale si consumò l’ultimo atto del Partito Nazionale Fascista e venne segnato il destino del suo fondatore, il Duce: Benito Mussolini. Ma esattamente, quali furono i retroscena che portarono agli eventi che noi tutti conosciamo? Chi furono gli autori del ribaltone che ebbe come conseguenza l’insediamento del Governo Badoglio, e successivamente la creazione della Repubblica Sociale? Questi e tanti altri sono gli interrogativi che lo storico Mario Ragionieri si pone e ai quali fornisce risposta attraverso l’utilizzo non solo di uno stile limpido e scorrevole, ma anche grazie a un’attenta ricerca storica che va a collegarsi con indagini personali e colloqui avvenuti con i reali protagonisti della vicenda che portò all’inconsapevole suicidio del regime fascista.

Mario Ragionieri, classe 1953 è un autore prolifico, ma soprattutto un grande conoscitore della storia dell’Italia, dell’epoca pre e post-fascista. È anche analista attento di strategie socio-politiche e belliche riguardanti l’ultimo e penultimo conflitto. Ha pubblicato studi approfonditi sulle reali dinamiche inerenti agli intrighi di potere, ai retroscena e alle dietrologie dalle quali, sarebbero poi, scaturite guerre e ribaltamenti di potere. È un autore poliedrico e ha pubblicato numerosi romanzi gialli e una raccolta in versi. Con “Il suicidio di un Regime” analizza un avvenimento fondamentale nella storia d’Italia, fornendo uno scenario lucido, completo e non soggetto a interpretazioni.

Il saggio di Ragionieri è arricchito anche da documenti quali fogli di giornali e fotografie che contribuiscono a rendere lo stile semplice, fluido e carico di dettagli. Inoltre, i personaggi che vengono descritti sono tutti ben delineati e raccontati e ciò permette ai lettori di poter capire ancor di più il carattere del Duce.

Ciò che colpisce, nella produzione letteraria di Mario Ragionieri è l’attitudine per il genere “giallo”, il rifiuto della normalità rassicurante, Schermata 2014-09-14 alle 10.25.58 lo scavo nelle pieghe dell’animo umano e le pieghe – si sa – sono oscure, spesso violente, ambivalenti, decisive; ma così è, anche se i fatti che ne conseguono risultano puntualmente sorprendenti. Il volume è edito da Edizioni Jolly Roger, una Casa Editrice indipendente con sede in Toscana, guidata da Fabio Gimignani. Il distributore è LibroCo Italia Srl.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Presentato a Pineto il libro di Luca Salini “Una passeggiata nella storia tra Eroi, ricordi e tradizioni”

Redazione

Libri: Totò Cuffaro, il carcere e la Dc “ridefiniti valori della vita”

Francesco Gentile

«L’inizio della notte»: Damiano Leone si interroga sulla sopravvivenza dell’umanità in un futuro apocalittico

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.