martedì, 24 Maggio, 2022
Attualità

Mobilità: comuni sempre più attenti a 2 ruote, buche restano problema

Le città danno sempre più attenzione alla mobilità sostenibile e, in particolare, a quella a due ruote – cicli e motocicli – che vengono viste in modo sempre più smart.

Lo dimostra la rilevazione fatta da Focus 2R, l’Osservatorio Nazionale Infrastrutture, Sicurezza e Mobilità per le 2 Ruote, presentata in mattinata a Milano, che testimonia un vero e proprio boom della mobilità a due ruote ed una crescita dell’attenzione dei comuni italiani nei confronti di cicli e motocicli. Cresce infatti del 4% la disponibilità media di piste ciclabili, ciclopedonali e zone 30. In aumento, dal 20% al 24%, il numero dei comuni che consentono l’accesso delle biciclette nelle corsie riservate ai mezzi pubblici: più bassa la percentuale per quel che riguarda gli scooter (18%). Più della metà dei comuni oggetto dell’indagine (55%) autorizza il trasporto di biciclette sui mezzi pubblici. Tre città su quattro offrono postazioni di interscambio bici in corrispondenza delle stazioni ferroviarie e cresce il numero dei comuni che offrono più di 500 stalli. Ancora insufficiente l’offerta di parcheggi per le due ruote a motore, visto che due città su tre non raggiungono i cinque stalli ogni mille abitanti.

Il bike sharing è l’unico indice che evidenzia un calo del numero di città in grado di offrire un servizio in condivisione, dato però compensato dall’evidente incremento del numero dei mezzi (+49%) e di abbonati (+240%). Ancora embrionale il fenomeno dello scooter sharing, per ora presente solo a Milano, Roma e Torino, ma con una forte propensione alla crescita, testimoniata dall’aumento dei veicoli in servizio (+320%) e di abbonati (+226%). Resta scarso il numero dei comuni che offrono incentivi economici per l’acquisto di biciclette, con una vera e propria propensione per quelle a pedalata assistita. È in costante aumento, invece, la percentuale di comuni (59%) che mettono a disposizione una rete di punti di ricarica elettrica dedicati alle due ruote. Anche se il 78% delle amministrazioni comunali non inserisce misure destinate a migliorare la sicurezza nei propri piani della mobilità, è sicuramente degno di nota che sono quasi raddoppiate quelle che hanno installato guardrail dotati di protezioni a misura di motociclista. Una maggiore attenzione per la vulnerabilità dei ciclisti è stata riscontrata nel 56% dei comuni indagati, mentre rimane critica la situazione del manto stradale in tutte le città italiane.

“Il 2019 si è chiuso con un mercato in crescita dal punto di vista dei cicli e motocicli, motivo per cui un maggiore interesse nei confronti di questo tipo di mobilità, soprattutto da parte dei comuni, diventa fondamentale – ha commentato Paolo Magri, presidente di Confindustria Ancma, che insieme a Legambiente ha promosso l’osservatorio -. Ci attendiamo un aumento dell’utilizzo di nuovi strumenti di mobilità, come i monopattini elettrici, che al pari delle due ruote, offrono soluzioni efficaci al bisogno di mobilità, ma guai ad equipararli alle biciclette come è stato fatto. Questo tipo di mezzi richiede infatti un’attenzione specifica alle regole di utilizzo e alle ricadute in termini di sicurezza”. Sul tema dei monopattini elettrici si è espresso anche il sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti Roberto Traversi, che ha spiegato: “Anche io chiedo regole sulla nuova mobilità. Secondo me l’emendamento proposto a fine anno ha inciso in maniera forte rispetto a un percorso ordinato che si stava facendo e questo ha scardinato quanto di buono aveva fatto Toninelli. Non si può modificare un settore di questo tipo a colpi di emendamenti, ma serve un processo più organico. Già nel Milleproroghe verrà presentato qualcosa di diverso e poi andremo a definire una regola più chiara”. (Italpress)

Sponsor

Articoli correlati

Nuova Toyota Mirai, seconda generazione per l’auto ad idrogeno

Redazione

Opel, Uwe Hochgeschurtz dal primo settembre nuovo Ceo della compagnia

Paolo Fruncillo

Gruppo Renault, Mobilize si sviluppa in Brasile

Francesco Gentile

Lascia un commento