giovedì, 9 Luglio, 2020
Editoriale

Harry e Meghan. Un grande esempio per il mondo

Sponsor

È stupefacente come due giovani inglesi, ormai ex reali nell’animo, abbiano trovato la forza di Francesco d’Assisi e dichiarare di voler rinunciare a tutto. 

Un esempio reale, scusate il gioco di parole, che non è destinato a scomparire presto dalle cronache dei quotidiani di tutto il mondo. 

In un’epoca nella quale i giovani vogliono tutto, tanto e subito, trovare una “coppia”, e questa è un’altra novità storica, che desidera rinunciare ai privilegi della casta per andare a lavorare, come tutti i loro coetanei, è sicuramente un fatto che merita commento e riflessione.

Certo che pur essendo impossibile perdere quel cognome che, comunque, gli porterà vantaggio anche nel cercare un lavoro, il coraggio del gesto è destinato ad essere ricordato a lungo.

Andare a lavorare per sentirsi come gli altri è una sensazione che i due reali hanno voluto quantomeno esplicitare, a prescindere. 

Personalmente non escluderei però, neppure che la decisione di fare questa dichiarazione sia la sintesi di un ragionamento molto più complesso legato al pensiero sul futuro di una Monarchia che forse, a loro avviso, è destinata ad avere una residua breve vita. La Brexit potrebbe aver segnato i due giovani che, in notti insonni, hanno intravisto quello che altri non hanno osato neppure immaginare: la fine della monarchia inglese, che potrebbe iniziare subito dopo la morte della Regina Elisabetta. 

Gli scandali e la tristissima vicenda che negli ultimi anni ha in qualche modo intaccato i “reali” sono state le cause di una profonda tristezza che Harry ha probabilmente provato nel vivere da orfano. 

Quella condizione, vissuta con Meghan a fianco, lo avrà fatto sentire povero: nessuna ricchezza ti può dare l’amore di una mamma. Non esistono Titoli e Ducati che possano farti dimenticare che sei solo. Chi ha la mamma non trema …. è così che dice un vecchio saggio proverbio.

Il Duca e la sua compagna vogliono, probabilmente, cercare l’amore che gli è mancato andando a vivere tra la gente e per la gente, perché il lavoro ti rende uomo tra gli uomini e ti dà il rispetto che meriti. 

L’inquietudine dell’uomo di fronte alle miserie del mondo (Moravia) rappresenta il disagio di Harry e Meghan, che hanno voluto lanciare un grido di dolore per la mancanza di quella normalità umana a cui tutti hanno diritto. 

La Regina avrebbe forse dovuto benedire i giovani e lasciarli andare in pace incontro al loro destino. 

Alla coppia non interessa il Regno, gli interessa avere la dignità che solo la fatica del vivere gli può dare per onorare una mamma che Harry non doveva perdere così giovane.   

Articoli correlati

Il virus della corona? Una classe dirigente improbabile

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni