martedì, 23 Aprile, 2024
Attualità

2,8mln di aiuti dalle Regioni autonome in favore della Turchia

Prosegue l’impegno delle Regioni e delle Province autonome in favore della Turchia, ferita assieme alla Siria dalla tragedia del terremoto dello scorso 6 febbraio. La prima donazione dei territori italiani in favore della popolazione colpita dal sisma è stata caricata in queste ore su una nave commerciale al porto di Trieste.

Le donazioni prevedono trentuno container e cinque semirimorchi, per un valore complessivo di oltre 2,86 milioni di euro.   Le diverse realtà italiane sono state coordinate dalla Provincia autonoma di Trento, nell’ambito del lavoro congiunto con il Dipartimento nazionale di Protezione civile. “Ancora una volta l’Italia si conferma una Nazione di grande spirito improntato a solidarietà.”

È quanto dichiara il ministro per la Protezione civile Nello Musumeci. “Una emozionante gara fra le nostre Regioni in soccorso di popolazioni drammaticamente colpite. Il mio apprezzamento a tutti i protagonisti di questo ulteriore contributo e al nostro dipartimento nazionale per il prezioso ruolo di coordinamento svolto”. Ha concluso il ministro. “Questa operazione è frutto dell’impegno dei Dipartimenti dei diversi territori e dimostra l’incondizionata solidarietà del nostro Paese in favore delle persone che stanno vivendo una situazione di grande difficoltà.

Un dramma umano, con la perdita di migliaia di vite ed evidenti difficoltà di natura logistica” osserva la coordinatrice della Commissione Protezione civile in seno alla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome Giulia Zanotelli che, nel ringraziare in particolar modo la Regione Friuli-Venezia Giulia per le attività logistiche, evidenzia come da subito l’Italia si sia messa a disposizione del Governo di Ankara per gestire al meglio l’emergenza. Dopo un viaggio della durata di circa tre giorni, il carico di aiuti approderà al porto di Mersin e sarà successivamente trasportato nel centro di concentrazione di Afad (la Protezione civile turca) nella provincia di Adana, a circa 80 chilometri di distanza.

Le Regioni Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Puglia, Umbria e Veneto e le Province autonome di Trento e Bolzano hanno composto i carichi in base alle reali esigenze comunicate dalla Turchia. Il carico è composto in particolare da materiale logistico e vestiario: tende, bagni, letti, brandine, lenzuola, cuscini, coperte, piumoni, sacchi a pelo, generatori, torri faro, riscaldatori, giacche, pannolini e asciugamani. Un secondo carico di aiuti ai quali concorreranno anche altre regioni che hanno offerto la propria disponibilità sarà inviato nella serata di domenica.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Covid, in Calabria 1.019 nuovi casi

Redazione

Accordo tra Anci Sicilia e InformaGiovani per la partecipazione ai programmi europei

Redazione

Amministrative, Musumeci: “In Sicilia le elezioni entro metà maggio”

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.