giovedì, 9 Febbraio, 2023
Esteri

Iran: magistratura “sigilla” negozi che aderiscono allo sciopero

I negozianti tengono le saracinesche abbassate per il terzo giorno di sciopero in Iran in segno di protesta dopo la morte a settembre della giovane curda Mahsa Amini mentre era sotto la custodia della polizia morale. La magistratura iraniana sta sigillando negozi e imprese che aderiscono allo sciopero e la polizia esegue arresti tra chi protesta.

La serrata, intanto, si è estesa a 40 città iraniane, tra cui la capitale. Il sindaco di Teheran Alireza Zakani ha accusato gli studenti dell’Università Sharif che manifestano di essere dei ‘traditori’. Secondo i post sui social network, gli studenti di diverse Università iraniane e di molte facoltà a Teheran hanno organizzato manifestazioni in concomitanza con la Giornata dello studente: immagini mostrano attacchi da parte delle forze di sicurezza e “un certo numero di loro insanguinati”, come riporta Bbc Persia.

Secondo il canale Student Trade Union Council, all’Università di Teheran, gli studenti sono stati attaccati, ed un giovane sarebbe stato “rapito dalle forze di sicurezza”. Tre studenti dell’Università Khwaja Nasiruddin Tusi sono stati arrestati.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Vittime delle mafie. Rieducare anche le famiglie dei criminali

Domenico Turano

La “zona grigia” tra mafie e potere politico

Carmine Alboretti

Il regime di Teheran minaccia l’Ue per il suo sostegno ai manifestanti

Marco Santarelli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.