mercoledì, 29 Maggio, 2024
Sanità

Di Silverio (Anaao-Assomed): dal 15 proteste e sciopero dei medici per salvare la sanità pubblica

Due settimane di tempo per trovare una via d’uscita alla crisi della sanità pubblica. È ciò che concedono al Governo i medici e i dirigenti ospedalieri, se non sarà definito un confronto sui mali che affliggono
la sanità pubblica. Di fronte ad ulteriori silenzi, avvisano i medici, dal 15 dicembre inizieranno scioperi e sospensioni dal lavoro per quello che indicano come primo “passo di un lungo periodo di proteste”.

Salvare la sanità pubblica

La decisione di arrivare al muro contro muro è spiegata da Pierino Di Silverio, segretario Nazionale Anaao: “Scendiamo in piazza per manifestare la nostra esigenza improcrastinabile di salvare il Servizio sanitario nazionale o quel che ne resta. La manifestazione è il primo passo di un lungo periodo di proteste che, se non saremo ascoltati, porterà anche al blocco delle attività”. Per i medici ci sì troverà, al di là delle loro prese di posizioni, ben presto di fronte al divampare di problemi che ricadranno in particolare sui pazienti e su quanti si rivolgono al sistema sanitario pubblico. Troppe infatti le lacune e i problemi che rimasti irrisolti hanno generato una precarietà nei servizi e la disaffezione dei medici.

Umiliati dal disinteresse “Manifestiamo contro il definanziamento e l’assenza di programmazione”, fa presente Pierino Di Silverio, “nonché il preoccupante e assordante silenzio istituzionale. E manifestiamo perché anche i cittadini capiscano che a rischio c’è la salute di tutti, a rischio oggi è l’intero sistema
sanitario pubblico”. La salute ricorda il segretario Nazionale Anaao, “è un bene comune e in quanto tale ha il diritto di essere considerato non solo un obbligo legislativo, ma è etico salvarlo e tutelarlo nonché proteggerlo. E noi lo proteggeremo con tutte le nostre forze e le armi a disposizione”. Quello che più “umilia” i medici è il silenzio delle istituzioni. “Se questa è la considerazione in cui vengono tenuti migliaia di professionisti che hanno evitato al Paese una Caporetto sanitaria, essi reagiranno con un corale ‘basta”’ annunciano al Governo e Ministero, “ai turni eccessivi, al lavoro oltre l’orario dovuto, a fare in tre il lavoro di sei, a rubare tempo alla vita. Per godersi, finalmente, 5 milioni di giornate di ferie arretrate, recuperare 10
milioni di ore di straordinario, stare a casa a Natale e Santo Stefano. Senza farsi mancare Capodanno e Befana”.

Le richieste e i silenzi

La sanità pubblica vista dalla parte dei medici e del personale sanitario, appare in ritardo su tutto. Anche sul terreno delle decisioni da prendere di fronte alle scadenze non rispettate dei contratti di lavoro non rinnovati . “Abbiamo registrato solo una dichiarazione circa l’opportunità di aumentare la retribuzione, non ancora seguita da fatti concreti. Nemmeno una convocazione da parte del Ministro, o un accenno, benché richiesto più volte e in più tempi. Non una sola parola”, sottolineano i medici, “sul rinnovo di un contratto di lavoro che
impolvera nelle stanze del Ministero dell’Economia e finanze candidato ormai a gestire anche la salute”.

Un alleato per una svolta

Anche se finora non ci sono iniziative concrete o una data di un possibile incontro tra Governo e medici, qualcosa comunque di nuovo c’è.
A smuovere le acque in favore delle richieste di Associazioni e sindacati di categoria della sanità è il leader del Terzo Polo, Carlo Calenda che nel recente incontro con il premier Giorgia Meloni, definito “molto positivo e costruttivo”, il tema sanità è tornato tra le priorità. A dirlo è il leader di Azione, che punta su un aumento
cospicuo di fondi da destinare alla “questione della sanità e in particolare all’aumento degli stipendi per gli infermieri e un maggior supporto per circa 6 miliardi”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Draghi in pressing sul Pnrr

Cristina Calzecchi Onesti

Le vignette di Alex

Alex Di Gregorio

Decreto sull’energia per liberalizzare mercato elettrico. Ecobonus per case popolari

Antonio Gesualdi

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.