giovedì, 9 Febbraio, 2023
Regioni

‘Ndrangheta, estradato dalla Spagna il latitante Mario Palamara

ROMA (ITALPRESS) – E' giunto a Fiumicino proveniente dalla Spagna, Mario Palamara, latitante di spicco della 'ndrangheta calabrese arrestato lo scorso 11 ottobre a Fuengirola (Spagna). 53 anni, di Melito Porto Salvo (RC), a tutti gli effetti broker della 'Ndrangheta, era operativo in Toscana e più specificamente al porto di Livorno e ricercato dal 2015 dai giudici e dalle forze di polizia di diverse parti d'Italia. L'arresto è maturato grazie alla proficua sinergia investigativa effettuata tra il Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, il Servizio Centrale di Investigazione sulla Criminalità Organizzata della Guardia di Finanza, la Direzione Centrale per i Servizi Antidroga , il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia – Progetto I-CAN (Interpol Cooperation Against 'Ndrangheta), l'Udyco Central della Policia Nacional spagnola. A suo carico erano attivi due mandati di arresto europeo emessi dall'Autorità Giudiziaria fiorentina su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia per i reati di associazione a delinquere finalizzata all'importazione di sostanze stupefacenti e per la fabbricazione di documenti falsi con l'aggravante della finalità di commettere altri reati in relazione a indagini condotte dalle Squadre Mobili delle Questure di Firenze e di Livorno. Era anche ricercato per scontare una pena a 14 anni e 4 mesi per traffico illecito di sostanze stupefacenti e concorso in riciclaggio comminatagli dalla Corte d'Appello di Venezia al termine di lunghe indagini condotte dal Gico della Guardia di Finanza di Venezia e coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia del capoluogo veneto. Anche a Catanzaro era destinatario di un'Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dal Gip presso il Tribunale, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia in relazione ad indagini condotte dal Gico, per traffico internazionale di cocaina. Palamara è stato consegnato dalla polizia spagnola agli agenti del Progetto I-CAN del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia della Direzione Centrale della Polizia Criminale, che lo riporteranno in Italia dove sarà preso in consegna dalla Polizia Penitenziaria. foto: Polizia (ITALPRESS). trl/pc/com 28-Nov-22 14:57

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Mafie, Musumeci “Nostro impegno in Sicilia è quotidiano”

Redazione

Da lunedì 3 maggio la Casa del Cinema riapre le sue sale e i suoi spazi espositivi

Angelica Bianco

Cibus Parma, Orsomarso “Opportunità business per le aziende calabresi”

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.