sabato, 25 Maggio, 2024
Esteri

In Iran 14 mila arresti durante le proteste

L’Organizzazione delle Nazioni Unite ha rivelato che 14.000 persone sono state arrestate durante le proteste in Iran e ha avvertito che l’uso non necessario e sproporzionato della forza nel Paese deve immediatamente cessare. L’Iran è vittima di una vera e propria crisi dei diritti umani e l’attuale situazione nel Paese è insostenibile.

“Secondo le informazioni raccolte dall’Onu, circa 14.000 persone, compresi i bambini, sono state arrestate nel contesto delle proteste, scoppiate il 16 settembre. Un numero impressionante. Le forze di sicurezza hanno risposto usando la forza letale contro manifestanti disarmati e passanti che non rappresentavano alcuna minaccia per la vita”, ha detto l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani Volker Türk

“Esorto il Governo e chi detiene il potere ad ascoltare i manifestanti e riconoscere le profonde lamentele sociali, economiche e politiche che si sono accumulate”, ha aggiunto. Volker Türk ha esortato le autorità iraniane ad avviare processi investigativi indipendenti, imparziali e trasparenti sulle presunte violazioni dei diritti umani, in linea con gli standard internazionali, di cessare immediatamente “di usare la violenza e le molestie contro i manifestanti pacifici” e “a rilasciare tutti gli arrestati per aver protestato pacificamente”, nonché a imporre una moratoria sulla pena di morte.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Le bugie e la “retorica nucleare” del Cremlino

Renato Caputo

L’autunno della dittatura in Iran

Esmail Mohades

“Mahsa e Nika sono migliaia”. L’Iràn regime spietato

Rosalba Panzieri

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.